OncoHub
Roche Oncologia
Novartis
Tumore prostata

Lenvatinib rispetto a placebo nel cancro alla tiroide refrattario a radioiodio


Lenvatinib ( Lenvima ), un inibitore orale dei recettori del fattore di crescita dell’endotelio vascolare 1, 2 e 3 [ VEGFR-1, VEGFR-2, VEGFR-3 ], dei recettori del fattore di crescita dei fibroblasti [ FGFR ] da 1 a 4, del recettore del fattore di crescita di derivazione piastrinica alfa [ PDGFRA ], RET, e KIT, ha mostrato attività clinica in uno studio di fase 2 su pazienti con carcinoma differenziato della tiroide refrattario a radioiodio ( Iodio-131 ).

In uno studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, che ha coinvolto pazienti con carcinoma della tiroide progressivo refrattario allo Iodio-131, 261 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Lenvatinib ( alla dose giornaliera di 24 mg al giorno in cicli di 28 giorni ) e 131 pazienti a ricevere placebo.
Al momento della progressione della malattia, i pazienti nel gruppo placebo potevano ricevere Lenvatinib in aperto.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.
Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta, la sopravvivenza globale e la sicurezza.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 18.3 mesi nel gruppo Lenvatinib e 3.6 mesi nel gruppo placebo ( hazard ratio per progressione o mortalità, HR=0.21; P minore di 0.001 ).

È stato osservato un beneficio per la sopravvivenza libera da progressione associato a Lenvatinib in tutti i sottogruppi prespecificati.

Il tasso di risposta è stato del 64.8% nel gruppo Lenvatinib ( 4 risposte complete e 165 risposte parziali ) e 1.5% nel gruppo placebo ( P minore di 0.001 ).

La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta in entrambi i gruppi.

Effetti avversi correlati al trattamento di qualsiasi grado, che si sono verificati in più del 40% dei pazienti nel gruppo Lenvatinib, sono stati ipertensione ( 67.8% dei pazienti ), diarrea ( 59.4% ), affaticamento o astenia ( 59.0% ), diminuzione dell'appetito ( 50.2% ), diminuzione del peso corporeo ( 46.4% ) e nausea ( 41.0% ).

Le interruzioni della somministrazione del farmaco in studio a causa di effetti avversi si sono verificate in 37 pazienti che hanno ricevuto Lenvatinib ( 14.2% ) e 3 pazienti che hanno ricevuto placebo ( 2.3% ).

Nel gruppo Lenvatinib, 6 decessi su 20 che si sono verificati durante il periodo di trattamento sono stati considerati correlati al farmaco.

In conclusione, Lenvatinib, rispetto al placebo, è risultato associato a miglioramenti significativi nella sopravvivenza libera da progressione e nella percentuale di risposta tra i pazienti con cancro alla tiroide refrattario a Iodio-131.
L’incidenza di effetti avversi è stata maggiore tra i pazienti che hanno ricevuto Lenvatinib ( Xagena2015 )

Schlumberger M et al, N Engl J Med 2015;372:621-630

Onco2015 Endo2015 Farma2015


Indietro