Roche Oncologia
Novartis
OncoHub
Tumore prostata

L’FDA ha approvato l’Imatinib nel trattamento dei tumori stromali gastrointestinali


L’FDA, il 1° febbraio 2002, ha approvato il farmaco Imatinib ( Glivec , Gleevec ) nei tumori stromali gastrointestinali ( GIST, gastrointestinal stromal tumors ).
Negli Stati Uniti questi tumori colpiscono circa 5.000 persone.
I GIST originano generalmente nello stomaco ( 60-70%) e nell’intestino tenue ( 20-30%) e metastatizzano nell’addome e nella pelvi.
A causa dei sintomi non specifici e scarsamente sintomatici, la diagnosi di GIST di norma viene fatta in ritardo.
Le più comuni manifestazioni cliniche di questi tumori , in ordine di frequenza, sono: sanguinamento gastrointestinale, massa palpabile, e lieve dolore addominale. La tomografia computerizzata spirale ( TC spirale ) è l’esame diagnostico più sensibile. I GIST sono resistenti alla chemioterapia antitumorale e per anni la chirurgia ha rappresentato il trattamento di prima linea contro questi tumori. Ma nonostante l’asportazione chirurgica spesso i GIST si ripresentano o nel sito originario o a distanza. I fattori di rischio alla base di questa malattia tumorale rimangono sconosciuti.

Nel 2001 , l’Imatinib aveva già ottenuto l’approvazione per il trattamento della leucemia mieloide cronica. In questa patologia il Glivec agisce bloccando l’enzima tirosin chinasi anomalo.
Nei GIST, l’Imatinib blocca un diverso enzima anomalo, presente nelle cellule stromali tumorali.

In uno studio , 147 pazienti con GIST non operabili o metastatizzati, hanno ricevuto un trattamento giornaliero a base di Imatinib per os.
Il 38% ( n = 58 ) dei pazienti ha presentato una risposta parziale, con una riduzione delle dimensioni del tumore del 50% o superiore.
In base a questo risultato l’FDA ha approvato con procedura d’urgenza il Glivec per il trattamento dei tumori GIST, nella categoria degli orphan drug, per il fatto che sono coinvolti meno di 200.000 pazienti.

Deve essere ancora definita l’efficacia dell’Imatinib nel lungo periodo.

I più comuni effetti indesiderati dop o somministrazione del farmaco sono: nausea, vomito, diarrea, rash cutaneo, crampi muscolari, epatotossicità, e riduzione della conta linfocitaria.
Generalmente gli effetti indesiderati sono lievi-moderati e raramente richiedono la sospensione del farmaco.
In 7 pazienti con tumori GIST è comparsa emorragia all’interno del tumore o nel tratto gastrointestinale, con necessità di trasfusione di sangue.


Carlo Franzini


Xagena2002


Indietro