Janssen Oncology
OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito

Mortalità cardiovascolare dopo terapia di deprivazione androgenica per cancro della prostata localmente avanzato


Gli agonisti dell’ormone per il rilascio della gonadotropina ( GnRH ) sono associati a un maggior rischio di malattia coronarica e infarto del miocardio in uomini con cancro della prostata, ma non si hanno molte informazioni riguardo al suo potenziale impatto sulla mortalità cardiovascolare.

Un gruppo di Ricercatori del Massachusetts General Hospital, a Boston, negli Stati Uniti, ha valutato la relazione tra gli agonisti del GnRH e la mortalità cardiovascolare in un ampio studio clinico randomizzato di fase III su uomini trattati con o senza Goserelin ( Zoladex ) come adiuvante dopo radioterapia per carcinoma della prostata localmente avanzato.

Tra il 1987 e il 1992, 945 uomini con carcinoma prostatico localmente avanzato sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere radioterapia e Goserelin o la sola radioterapia.

La regressione di Fine e Gray è stata utilizzata per valutare l’effetto del trattamento sulla mortalità cardiovascolare. Le covariate includevano età, malattia cardiovascolare prevalente, ipertensione, diabete mellito, indice di massa corporea ( BMI ), razza, grado di Gleason, stadio, livello di fosfatasi acida, storia di prostatectomia e coinvolgimento dei linfonodi.

Dopo un follow-up mediano di 8.1 anni, si sono verificati 117 decessi collegati a cause cardiovascolari, ma non è stato rilevato nessun aumento della mortalità cardiovascolare legata al trattamento.

A 9 anni, la mortalità cardiovascolare per gli uomini trattati con Goserelin è stata del 8.4% contro l’11.4% per gli uomini trattati senza Goserelin come adiuvante ( P di Gray = 0.17 ).

Nelle analisi di regressione multipla, il braccio trattamento non è risultato associato in maniera significativa a un aumento del rischio di mortalità cardiovascolare.

I tradizionali fattori di rischio cardiaco, inclusi malattia cardiovascolare prevalente e diabete mellito sono risultati significativamente associati a una maggiore mortalità cardiovascolare.

In conclusione, gli agonisti del GnRH non sembrano aumentare la mortalità cardiovascolare in uomini con carcinoma prostatico localmente avanzato.
Servono altri studi per valutare gli eventi avversi degli agonisti del GnRH negli uomini con più bassa mortalità specifica per cancro. ( Xagena2009 )

Efstathiou JA et al, J Clin Oncol 2009; 27: 92-99


Cardio2009 Farma2009 Onco2009

XagenaFarmaci_2009


Indietro