Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumori testa-collo

NGR-hTNF in combinazione con la migliore scelta del ricercatore nel mesotelioma pleurico maligno precedentemente trattato


Il mesotelioma pleurico maligno è un tumore aggressivo altamente vascolarizzato. Ha prognosi infausta e poche opzioni di trattamento dopo il fallimento della chemioterapia di prima linea.
NGR-hTNF è un farmaco con target vascolare che aumenta la penetrazione della chemioterapia intratumorale e l'infiltrazione delle cellule T modificando il microambiente tumorale

Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza di NGR-hTNF in pazienti con mesotelioma pleurico maligno progredito durante o dopo un trattamento di prima linea.

NGR015 era uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo effettuato in 41 Centri in 12 Paesi.
I pazienti eleggibili presentavano mesotelioma pleurico maligno di qualsiasi sottotipo istologico ( epiteliale, sarcomatoide o misto ), avevano 18 anni o più e avevano un ECOG performance status di 0-2 e malattia progressiva documentata radiologicamente dopo una chemioterapia a base di Pemetrexed.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere NGR-hTNF settimanale 0.8 microg/m2 per via endovenosa più la scelta migliore per i ricercatori ( n=200 ), oppure placebo più la scelta migliore per i ricercatori ( n=200 ).

La scelta migliore per i ricercatori è stata decisa prima dell'assegnazione casuale e poteva essere Gemcitabina in monoterapia ( 1.000-1.250 mg/m2 per via endovenosa ), Vinorelbina ( 25 mg/m2 endovenosa o 60 mg/m2 per via orale ), Doxorubicina ( 60-75 mg/m2 per via endovenosa ), o solo migliore terapia di supporto.
I pazienti sono stati randomizzati dopo stratificazione per performance status e scelta migliore per i ricercatori.

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.

Tra il 2010 e il 2013, sono stati arruolati 400 partecipanti idonei. 381 su 400 pazienti ( 95% ) sono stati selezionati per ricevere la chemioterapia prima che tutti i partecipanti fossero assegnati in modo casuale a ricevere NGF-hTNF più la scelta migliore per i ricercatori ( n=200 ) oppure placebo più la scelta migliore per i ricercatori ( n=200 ).

Alla data cutoff, il follow-up mediano era di 18.7 mesi e la sopravvivenza globale non differiva tra i due gruppi di trattamento ( mediana 8.5 mesi nel gruppo NGR-hTNF versus 8.0 mesi nel gruppo placebo; hazard ratio, HR=0.94; P=0.58 ).

Eventi avversi di grado 3 o peggiore emersi dallo studio si sono verificati in 136 pazienti ( 70% ) trattati con NGR-hTNF rispetto a 118 pazienti ( 61% ) trattati con placebo; i più comuni sono stati neutropenia ( 35 su 193 pazienti, 18%, vs 36 su 193 pazienti, 19% ), dolore ( 11, 6%, vs 16, 8% ), dispnea ( 9, 5%, vs 7, 4% ) e brividi ( 9, 5%, vs nessuno ).

50 pazienti ( 26% ) nel gruppo NGR-hTNF hanno avuto un evento avverso grave, rispetto a 47 ( 24% ) nel gruppo placebo.
Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 17 pazienti ( 9% ) nel gruppo NGR-hTNF e in 20 pazienti ( 10% ) nel gruppo placebo.

Ci sono stati 12 decessi nel gruppo NGR-hTNF e 13 decessi nel gruppo placebo, ma nessuno correlato al trattamento.

Lo studio non ha raggiunto il suo endpoint primario. I risultati generatori di ipotesi dalle analisi del sottogruppo meritano uno studio randomizzato di conferma perché i pazienti che progrediscono rapidamente dopo il trattamento di prima linea hanno una prognosi sfavorevole. ( Xagena2018 )

Gregorc V et al, Lancet Oncol 2018; 19: 799-811

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro