Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumori GenitoUrinari

Nivolumab oppure Nivolumab più Ipilimumab nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno recidivante


Non esiste una terapia raccomandata per il mesotelioma pleurico maligno progredito dopo chemioterapia di prima linea a base di Pemetrexed e Platino.
Il controllo delle malattie è stato inferiore al 30% in tutti gli studi precedenti sui farmaci di seconda linea.

Risultati preliminari hanno suggerito che l'anticorpo monoclonale anti-PD-1 potrebbe essere efficace in questi pazienti.
È stata quindi valutata in modo prospettica la terapia anti-PD-1 da sola o in combinazione con l’anticorpo anti-proteina 4 associata ai linfociti T citotossici ( CTLA-4 ) nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno.

Uno studio multicentrico, randomizzato, non-comparativo, in aperto, di fase 2 è stato condotto in 21 ospedali in Francia.
I pazienti eleggibili avevano un'età a partire da 18 anni con un ECOG performance status di 0-1, mesotelioma pleurico maligno provato istologicamente progredito dopo trattamento con Pemetrexed e Platino di prima linea o seconda linea, malattia misurabile mediante CT ( tomografia computerizzata ) e aspettativa di vita superiore a 12 settimane.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Nivolumab ( Opdivo ) per via endovenosa ( 3 mg/kg di peso corporeo ) ogni 2 settimane oppure Nivolumab per via endovenosa ( 3 mg/kg ogni 2 settimane ) più Ipilimumab ( Yervoy ) per via endovenosa ( 1 mg/kg ogni 6 settimane ), somministrati fino a progressione o a tossicità inaccettabile.

La randomizzazione è stata stratificata per istologia ( epitelioide versus non-epitelioide ), linea di trattamento ( seconda linea versus terza linea ) e chemiosensibilità al precedente trattamento ( progressione 3 mesi o più versus meno di 3 mesi dopo il trattamento con Pemetrexed ).

L'esito primario era la proporzione di pazienti che hanno ottenuto il controllo della malattia a 12 settimane; l'endpoint primario veniva considerato raggiunto se il controllo della malattia era realizzato in almeno il 40% dei pazienti.

L'endpoint primario è stato valutato nei primi 108 pazienti eleggibili. Sono state condotte analisi di efficacia anche nella popolazione intention-to-treat e sono state condotte analisi di sicurezza in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento assegnato.

Tra marzo e agosto 2016, 125 pazienti eleggibili sono stati reclutati e assegnati a Nivolumab ( n=63 ) oppure a Nivolumab più Ipilimumab ( n=62 ).

Nei primi 108 pazienti eleggibili, il controllo della malattia a 12 settimane è stato raggiunto da 24 su 54 pazienti ( 44% ) nel gruppo Nivolumab e da 27 su 54 pazienti ( 50% ) nel gruppo Nivolumab più Ipilimumab.

Nella popolazione intention-to-treat, il controllo della malattia a 12 settimane è stato ottenuto da 25 pazienti su 63 ( 40% ) nel gruppo Nivolumab e da 32 pazienti su 62 ( 52% ) nel gruppo di combinazione.
9 pazienti su 63 ( 14% ) nel gruppo Nivolumab e 16 pazienti su 61 ( 26% ) nel gruppo di associazione presentavano tossicità di grado 3-4.

Gli eventi avversi di grado 3 più frequenti erano astenia ( 1, 2%, nel gruppo Nivolumab vs 3, 5%, nel gruppo di associazione ), aumento asintomatico dell'aspartato aminotransferasi [ AST ] o alanina aminotransferasi [ ALT ] ( nessuno vs 4 ciascuno, 7% ) e aumento della lipasi asintomatica ( 2, 3%, vs 1, 2% ).

Nessun paziente ha presentato tossicità con conseguente morte nel gruppo Nivolumab, mentre in 3 su 62 ( 5% ) nel gruppo di associazione è accaduto ( una epatite fulminante, una encefalite e una insufficienza renale acuta ).

L'anti-PD-1 Nivolumab in monoterapia oppure Nivolumab più l'anti-CTLA-4 Ipilimumab hanno mostrato una promettente attività nei pazienti recidivati ​​con mesotelioma pleurico maligno, senza tossicità inattesa.
Questi regimi hanno richiesto conferma in studi clinici di maggiori dimensioni. ( Xagena2019 )

Scherpereel A et al, Lancet Oncology 2019; 20: 239-253

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro