Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
OncoGeriatria
OncoGinecologia

Olaparib in associazione con Paclitaxel nel carcinoma gastrico avanzato progredito dopo la terapia di prima linea


Olaparib ( Lynparza ) combinato con Paclitaxel ha mostrato in precedenza un miglioramento significativo della sopravvivenza globale rispetto al placebo più Paclitaxel come terapia di seconda linea in uno studio di fase 2 in pazienti asiatici con cancro gastrico avanzato, specialmente in quelli con tumore negativo ad ATM ( proteina mutata atassia-teleangectasia ).

Sono state riportate le principali analisi di efficacia e sicurezza da un successivo studio di fase 3.

Lo studio di fase 3 GOLD, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, ha reclutato pazienti asiatici di età pari o superiore a 18 anni ( 20 anni o più se giapponesi ) con tumore gastrico avanzato progredito dopo o durante la chemioterapia di prima linea.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Olaparib per os ( 100 mg due volte al giorno ) più Paclitaxel ( 80 mg/m2 per via endovenosa ) oppure placebo più Paclitaxel.
La randomizzazione è stata effettuata senza fattori di stratificazione.

Sono state valutate due popolazioni co-primarie: la popolazione complessiva di tutti i pazienti e i pazienti con tumori ATM-negativi ( identificati dopo la randomizzazione, prima del cutoff dei dati nel 2016 ).

L'endpoint primario in entrambe le popolazioni era la sopravvivenza globale ( definita come il tempo dalla data della randomizzazione fino alla morte per qualsiasi causa prima del cutoff dei dati ); una differenza significativa è stata definita come P minore di 0.025.
L'efficacia è stata valutata nelle popolazioni intention-to-treat e la sicurezza nei pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento.

Tra il 2013 e il 2016, 643 pazienti sono stati arruolati da 58 siti di studio in ospedali e centri medici in Cina, Giappone, Corea del Sud e Taiwan.
525 pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale: 263 a ricevere Olaparib più Paclitaxel e 262 a ricevere placebo più Paclitaxel. 94 pazienti sono stati classificati con tumori ATM-negativi ( 48 nel gruppo Olaparib più Paclitaxel e 46 nel gruppo placebo più Paclitaxel ).

La sopravvivenza globale non ha mostrato differenze tra i gruppi di trattamento nella popolazione complessiva di pazienti ( sopravvivenza globale mediana 8.8 mesi nel gruppo Olaparib vs 6.9 mesi nel gruppo placebo: HR=0.79; P=0.026 ) o nella popolazione ATM-negativa ( 12.0 mesi vs 10.0 mesi; 0.73; P=0.25 ).

Nella popolazione complessiva di pazienti, gli eventi avversi più comuni di grado 3 o peggiore nel gruppo con Olaparib più Paclitaxel sono stati neutropenia ( 78 su 262 pazienti, 30% ), leucopenia ( 42, 16% ) e diminuzione della conta dei neutrofili ( 40, 15% ); nel gruppo placebo più Paclitaxel sono stati neutropenia ( 59 su 259 pazienti, 23% ), leucopenia ( 27, 10% ) e diminuzione della conta dei globuli bianchi ( 21, 8% ).

Eventi avversi con un esito di morte correlato in modo causale al trattamento dello studio sono stati riportati in due pazienti: danno epatico in un paziente ( inferiore a 1% ) nel gruppo Olaparib più Paclitaxel e insufficienza cardiaca in un paziente ( inferiore a 1% ) nel gruppo placebo più Paclitaxel.

Lo studio GOLD non ha raggiunto il suo obiettivo principale di mostrare un miglioramento significativo della sopravvivenza globale con Olaparib nella popolazione complessiva o ATM-negativa di pazienti asiatici con tumore gastrico avanzato.
Lo studio ha prodotto dati sull'efficacia e sulla sicurezza relativi all'uso di Olaparib in combinazione con un agente chemioterapico e ha fornito una base per studi futuri in questa popolazione di pazienti difficili da trattare. ( Xagena2017 )

Bang YJ et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1637-1651

Gastro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro