Lung Unit
BMS
Novartis
OncoGeriatria

Pembrolizumab con Bevacizumab per carcinoma a cellule renali metastatico


Si è ipotizzato che Bevacizumab ( Avastin ) potenzi l'attività di Pembrolizumab ( Keytruda ).
È stato condotto uno studio clinico di fase Ib/II, a braccio singolo, multisito, di combinazione nel carcinoma a cellule renali ( RCC ) metastatico.

Sono stati arruolati pazienti con carcinoma renale metastatico a cellule chiare che hanno manifestato progressione dopo almeno una terapia sistemica ( fase Ib ) o naïve al trattamento ( fase II ).
Nella fase Ib, Pembrolizumab ( 200 mg ) e Bevacizumab ( 10 o 15 mg/kg ) sono stati somministrati per via endovenosa ogni 3 settimane.

L'endpoint primario per la fase II era il tasso di risposta globale ( ORR ).
Con un potere statistico dell'80% e una probabilità di errore di tipo I di 0.1, dovevano essere arruolati 48 pazienti per rilevare un ORR del 42%.

Sono stati arruolati 13 pazienti ( età 33-68 anni; mediana, 55 anni ) nello studio di fase Ib. Non sono state segnalate tossicità dose-limitanti.
Pembrolizumab 200 mg e Bevacizumab 15 mg/kg sono stati scelti per la fase II. 48 pazienti ( età 42-84 anni; età mediana, 61 anni; 33 maschi ) sono stati arruolati per lo studio di fase II.

L'endpoint primario è stato raggiunto, con il tasso di risposta globale che ha raggiunto il 60.9%, costituito da 1 risposta completa ( CR ), 2 CR nelle lesioni target, 25 risposte parziali ( PR ), 18 risposte di malattia stabile ( SD ), 2 risposte non-valutabili.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana è stata di 20.7 mesi. La sopravvivenza globale ( OS ) mediana non è stata raggiunta al follow-up mediano di 28.3 mesi.

Le tossicità di grado 3 più comuni correlate al trattamento sono state ipertensione e proteinuria.
Si sono verificate due tossicità di grado 4: ulcera duodenale e iponatriemia.

La presenza di cellule T infiltranti il ​​tumore, ma non l’espressione programmata del ligando di morte cellulare programmata 1, nel tessuto tumorale è risultata correlata alla risposta.

La combinazione di 200 mg di Pembrolizumab e una dose di 15 mg/kg di Bevacizumab somministrata ogni 3 settimane è sicura e attiva nel tumore a cellule renali metastatico. ( Xagena2020 )

Dudek AZ et al, J Clin Oncol 2020; 38: 1138-1145

Uro2020 Nefro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro