Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumori GenitoUrinari

Pembrolizumab nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato precedentemente trattati con Sorafenib: KEYNOTE-224


La terapia di blocco del checkpoint immunitario ha mostrato risultati promettenti nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Pembrolizumab ( Keytruda ) in questa popolazione di pazienti.

KEYNOTE-224 è uno studio non-randomizzato, multicentrico, in aperto, di fase 2, effettuato in 47 Centri medici e ospedali in 10 Paesi
I pazienti eleggibili presentavano carcinoma epatocellulare confermato patologicamente; erano stati precedentemente trattati con Sorafenib ed erano intolleranti a questo trattamento o mostravano una progressione radiografica della malattia dopo la terapia; ECOG performance status di 0-1; funzione organica adeguata, classe Child-Pugh A.

I partecipanti hanno ricevuto 200 mg di Pembrolizumab per via endovenosa ogni 3 settimane per circa 2 anni o fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile, ritiro del paziente o decisione del ricercatore.

L'endpoint primario era la risposta obiettiva, definita come la proporzione di pazienti con risposta completa o parziale in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Pembrolizumab, confermata radiologicamente mediante l'uso dei criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1.
Anche la sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti trattati.

Tra il 2016 e il 2017 sono stati esaminati 169 pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato, di cui 104 pazienti eleggibili sono stati arruolati e trattati.

Al cutoff dei dati, 17 ( 16% ) pazienti stavano ancora ricevendo Pembrolizumab.

È stata registrata una risposta obiettiva in 18 su 104 pazienti.
Le migliori risposte complessive sono state: 1 ( 1% ) risposta completa e 17 ( 16% ) risposte parziali; nel frattempo, 46 pazienti ​​( 44% ) avevano una malattia stabile, 34 ( 33% ) avevano una malattia progressiva e 6 ( 6% ) che non avevano una valutazione post-basale alla data di cutoff sono stati considerati non-valutabili

Eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati in 76 su 104 pazienti ( 73% ), ed eventi gravi in ​​16 pazienti ( 15% ).

Eventi correlati al trattamento di grado 3 sono stati riportati in 25 dei 104 pazienti ( 24% ); i più comuni erano aumento della concentrazione di aspartato aminotransferasi ( AST ) in 7 pazienti ( 7% ), aumento della concentrazione di alanina aminotransferasi ( ALT ) in 4 pazienti ( 4% ) e affaticamento in 4 pazienti ( 4% ).

Si è verificato un evento di iperbilirubinemia di grado 4 correlato al trattamento ( 1% ).
Un decesso associato a esofagite ulcerativa è stato attribuito al trattamento.
L'epatite immuno-mediata si è verificata in tre pazienti ( 3% ), ma non sono stati riportati casi di riacutizzazione virale.

Pembrolizumab è risultato efficace e tollerabile nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato precedentemente trattati con Sorafenib.
Questi risultati indicano che Pembrolizumab potrebbe rappresentare una opzione di trattamento per questi pazienti.
Questo farmaco è in fase di ulteriore valutazione in due studi di fase 3 randomizzati come trattamento di seconda linea in pazienti con carcinoma epatocellulare. ( Xagena2018 )

Zhu AX et al, Lancet Oncol 2018; 19: 940-952

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro