Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
OncoDermatologia

Pembrolizumab per carcinoma alla mammella triplo negativo in fase precoce


Precedenti studi hanno mostrato una promettente attività antitumorale e un profilo di sicurezza accettabile associato a Pembrolizumab ( Keytruda ) nei pazienti con tumore mammario triplo negativo precoce.
Non è chiaro se l'aggiunta di Pembrolizumab alla chemioterapia neoadiuvante aumenti in modo significativo la percentuale di pazienti con carcinoma al seno triplo negativo in fase precoce che hanno una risposta patologica completa, definita come nessun tumore invasivo nella mammella e linfonodi negativi alla chirurgia definitiva.

In uno studio di fase 3, sono stati assegnati casualmente pazienti con tumore mammario triplo negativo di stadio II o stadio III precedentemente non-trattato a ricevere la terapia neoadiuvante con quattro cicli di Pembrolizumab alla dose di 200 mg ogni 3 settimane più Paclitaxel e Carboplatino ( 784 pazienti; gruppo Pembrolizumab - chemioterapia ) o placebo ogni 3 settimane più Paclitaxel e Carboplatino ( 390 pazienti; gruppo placebo - chemioterapia ); i due gruppi hanno quindi ricevuto altri quattro cicli di Pembrolizumab o placebo ed entrambi i gruppi hanno ricevuto Doxorubicina - Ciclofosfamide o Epirubicina - Ciclofosfamide.

Dopo l’intervento chirurgico definitivo, i pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab adiuvante oppure placebo ogni 3 settimane per un massimo di nove cicli.

Gli endpoint primari erano una risposta patologica completa al momento dell'intervento chirurgico definitivo e sopravvivenza libera da eventi nella popolazione intention-to-treat.

Alla prima analisi intermedia, tra i primi 602 pazienti sottoposti a randomizzazione, la percentuale di pazienti con una risposta patologica completa è stata del 64.8% nel gruppo Pembrolizumab - chemioterapia e del 51.2% nel gruppo placebo - chemioterapia ( differenza di trattamento stimata, 13.6 punti percentuali; P minore di 0.001 ).

Dopo un follow-up mediano di 15.5 mesi, 58 su 784 pazienti ( 7.4% ) nel gruppo Pembrolizumab - chemioterapia e 46 su 390 pazienti ( 11.8% ) nel gruppo placebo - chemioterapia hanno mostrato progressione della malattia che ha precluso l’intervento chirurgico definitivo, recidiva locale o distante o un secondo tumore primario o sono deceduti per qualsiasi causa ( hazard ratio, HR=0.63 ).

In tutte le fasi del trattamento, l'incidenza di eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o superiore è stata del 78.0% nel gruppo Pembrolizumab - chemioterapia e del 73.0% nel gruppo placebo - chemioterapia, incluso il decesso nello 0.4% ( 3 pazienti ) e nello 0.3% ( 1 paziente ), rispettivamente.

Tra i pazienti con tumore mammario triplo negativo precoce, la percentuale con una risposta patologica completa è stata significativamente più elevata tra coloro che avevano ricevuto Pembrolizumab più chemioterapia neoadiuvante rispetto a quelli che avevano ricevuto placebo più chemioterapia neoadiuvante. ( Xagena2020 )

Schmid P et al, N Engl J Med 2020; 382: 810-821

Onco2020 Gyne2020 Farma2020


Indietro