Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Mammella
OncoGeriatria

Pembrolizumab più chemioterapia nel tumore polmonare non-a-piccole cellule metastatico


La terapia di prima linea per il cancro polmonare avanzato non-a-piccole cellule ( NSCLC ) che manca di mutazioni targetizzabili è la chemioterapia a base di Platino.
Tra i pazienti con un punteggio TPS ( punteggio di proporzione del tumore ) per il ligando di morte programmata 1 ( PD-L1 ) del 50% o superiore, Pembrolizumab ( Keytruda ) ha sostituito la chemioterapia citotossica come trattamento di prima scelta.
L'aggiunta di Pembrolizumab alla chemioterapia ha determinato tassi di risposta significativamente più elevati e una sopravvivenza libera da progressione più lunga rispetto alla chemioterapia da sola in uno studio di fase 2.

In uno studio in doppio cieco di fase 3, sono stati randomizzati 616 pazienti con tumore NSCLC metastatico non-squamoso senza mutazioni sensibilizzanti di EGFR o ALK che non avevano ricevuto alcun precedente trattamento per malattia metastatica a ricevere Pemetrexed ( Alimta ) e un trattamento a base di Platino più 200 mg di Pembrolizumab oppure placebo ogni 3 settimane per 4 cicli, seguito da Pembrolizumab o placebo per un totale di 35 cicli più terapia di mantenimento con Pemetrexed.

Il passaggio alla monoterapia con Pembrolizumab è stato autorizzato tra i pazienti nel gruppo di combinazione con placebo con progressione della malattia verificata.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione, valutata mediante revisione radiologica.

Dopo un follow-up mediano di 10.5 mesi, il tasso stimato di sopravvivenza globale a 12 mesi è stato del 69.2% nel gruppo di combinazione con Pembrolizumab rispetto al 49.4% nel gruppo di combinazione con placebo ( hazard ratio per la mortalità, HR=0.49; P minore di 0.001 ).
Il miglioramento della sopravvivenza globale è stato osservato in tutte le categorie di PD-L1 che sono state valutate.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 8.8 mesi nel gruppo trattato con Pembrolizumab e di 4.9 mesi nel gruppo di combinazione con placebo ( hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.52; P minore di 0.001 ).

Eventi avversi di grado 3 o superiore si sono verificati nel 67.2% dei pazienti nel gruppo trattato con Pembrolizumab e nel 65.8% di quelli nel gruppo di combinazione con placebo.

In conclusione, nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule, non-squamoso, metastatico, precedentemente non-trattato senza mutazioni di EGFR o ALK, l'aggiunta di Pembrolizumab alla chemioterapia standard con Pemetrexed e un farmaco a base di Platino ha prodotto una sopravvivenza globale e una sopravvivenza libera da progressione significativamente più lunghe rispetto alla sola chemioterapia. ( Xagena2018 )

Gandhi L et al, N Engl J Med 2018; 378: 2078-2092

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro