Novartis
OncoHub
Roche Oncologia
Tumore prostata

Pembrolizumab versus Ipilimumab nel melanoma avanzato


L’inibitore del checkpoint immunitario Ipilimumab ( Yervoy ) è il trattamento standard di cura per i pazienti con melanoma avanzato.
Pembrolizumab ( Keytruda ) inibisce il ceckpoint immunitario di morte cellulare programmata 1 ( PD-1 ) e ha attività antitumorale nei pazienti con melanoma avanzato.

In uno studio randomizzato, controllato, di fase 3, 834 pazienti con melanoma avanzato sono stati assegnati a ricevere Pembrolizumab ( alla dose di 10 mg per kg di peso corporeo ) ogni 2 settimane o ogni 3 settimane o 4 dosi di Ipilimumab ( 3 mg per kg ) ogni 3 settimane.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale.

I tassi stimati di sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi sono stati pari a 47.3% per Pembrolizumab ogni 2 settimane, 46.4% per Pembrolizumab ogni 3 settimane e 26.5% per Ipilimumab ( hazard ratio per la progressione della malattia, 0.58; P minore di 0.001 per entrambi i regimi di Pembrolizumab vs Ipilimumab ).

I tassi stimati di sopravvivenza a 12 mesi sono stati pari a 74.1%, 68.4% e 58.2%, rispettivamente ( hazard ratio per morte per Pembrolizumab ogni 2 settimane, HR=0.63; P=0.0005; hazard ratio per Pembrolizumab ogni 3 settimane, HR=0.69; P=0.0036 ).

Il tasso di risposta è migliorato con Pembrolizumab somministrato ogni 2 settimane ( 33.7% ) e ogni 3 settimane ( 32.9% ), rispetto a Ipilimumab ( 11.9% ) ( P minore di 0.001 per entrambi i confronti ).

Le risposte erano in corso, rispettivamente, nel 89.4%, 96.7% e 87.9% dei pazienti dopo un follow-up mediano di 7.9 mesi.
L'efficacia è risultata simile nei due gruppi con Pembrolizumab.

I tassi di eventi avversi correlati al trattamento di gravità di grado 3-5 sono stati inferiori nei gruppi Pembrolizumab ( 13.3% e 10.1% ) rispetto al gruppo Ipilimumab ( 19.9% ).

In conclusione, l’anticorpo anti-PD-1 Pembrolizumab ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale e ha causato meno tossicità di alto grado rispetto a Ipilimumab nei pazienti con melanoma avanzato. ( Xagena2015 )

Robert C et al, N Engl J Med 2015; 372: 2521-2532

Onco2015 Dermo2015 Farma2015





Indietro