Novartis
OncoHub
Oncologia Morabito
Roche Oncologia

Pembrolizumab versus Metotrexato, Docetaxel o Cetuximab per carcinoma a cellule squamose del testa-collo recidivato o metastatico: studio KEYNOTE-040


Esistono poche opzioni di trattamento efficaci per i pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ricorrente o metastatico.
Pembrolizumab ( Keytruda ) ha mostrato attività antitumorale e tossicità gestibile in studi in fase iniziale.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di Pembrolizumab rispetto alla terapia standard di cura per il trattamento del carcinoma a cellule squamose della testa e del collo.

È stato effettuato uno studio di fase 3, randomizzato, in aperto, presso 97 Centri medici in 20 Paesi.
I pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo progrediti durante o dopo il trattamento con Platino per malattia ricorrente o metastatica ( o entrambi ) o la cui malattia si era ripresentata o era progredita entro 3-6 mesi dalla precedente terapia multimodale contenente Platino per malattia localmente avanzata, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Pembrolizumab 200 mg ogni 3 settimane per via endovenosa o la scelta da parte dello sperimentatore tra dosi standard di Metotrexato, Docetaxel o Cetuximab per via endovenosa ( gruppo standard di cura ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat. La sicurezza è stata analizzata nella popolazione trattata.

Tra il 2014 e il 2016, 247 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Pembrolizumab e 248 sono stati assegnati in modo casuale allo standard di cura.
Nel 2017, 181 pazienti su 247 ( 73% ) nel gruppo Pembrolizumab e 207 su 248 ( 83% ) nel gruppo standard di cura sono morti.

La sopravvivenza globale mediana nella popolazione intention-to-treat è stata di 8.4 mesi con Pembrolizumab e 6.9 ​​mesi con lo standard di cura ( hazard ratio, HR=0.80, P nominale=0.0161 ).

Meno pazienti trattati con Pembrolizumab rispetto al trattamento standard hanno avuto eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o maggiori ( 33 su 246, 13%, vs 85 su 234, 36% ).
L'evento avverso correlato al trattamento più comune è stato l’ipotiroidismo con Pembrolizumab ( in 33 pazienti, 13% ) e l’affaticamento con lo standard di cura ( in 43, 18% ).

La morte correlata al trattamento si è verificata in 4 pazienti trattati con Pembrolizumab ( causa non-specificata, perforazione dell'intestino crasso, progressione della neoplasia maligna e sindrome di Stevens-Johnson ) e in 2 pazienti trattati con lo standard di cura ( progressione della neoplasia maligna e polmonite ).

Il prolungamento clinicamente significativo della sopravvivenza globale e il profilo di sicurezza favorevole di Pembrolizumab nei pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo recidivante o metastatico supporta l'ulteriore valutazione di Pembrolizumab come monoterapia e come parte della terapia di combinazione nelle fasi iniziali della malattia. ( Xagena2019 )

Cohen EEW et al, Lancet 2019; 393: 156-167

Onco2019 Neuro2019 Oto2019 Farma2019


Indietro