Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumore Vescica
Tumore prostata

Rischio di recidiva di cancro alla mammella a 20 anni dopo interruzione della terapia endocrina a 5 anni


La somministrazione della terapia endocrina per 5 anni riduce sostanzialmente i tassi di recidiva durante e dopo il trattamento nelle donne con carcinoma mammario in stadio precoce, positivo ai recettori degli estrogeni ( ER ).
Estendere tale terapia oltre i 5 anni offre una ulteriore protezione, ma ha maggiori effetti collaterali.

Ottenere i dati sul rischio assoluto di successiva recidiva a distanza arrestando la terapia a 5 anni potrebbe aiutare a decidere se estendere il trattamento.

In una meta-analisi dei risultati di 88 studi condotti su 62.923 donne con tumore mammario ER-positivo che erano esenti da malattia dopo 5 anni di terapia endocrina programmata, sono state valutate le associazioni di diametro del tumore e stato linfonodale, grado del tumore e altri fattori con gli esiti dei pazienti durante un periodo da 5 a 20 anni.

Le recidive di tumore al seno si sono verificate a un ritmo costante durante tutto il periodo di studio da 5 a 20 anni.
Il rischio di recidiva a distanza è stato fortemente correlato con lo stato originale di stato linfonodale.

Tra le pazienti con malattia in stadio T1, il rischio di recidiva a distanza è stato del 13% senza coinvolgimento linfonodale ( T1N0 ), del 20% con 1 o 3 linfonodi coinvolti ( T1N1-3 ) e del 34% con 4 o 9 linfonodi coinvolti ( T1N4- 9 ); tra quelle con malattia in stadio T2, i rischi sono stati del 19% con T2N0, del 26% con T2N1-3 e del 41% con T2N4-9.

Il rischio di morte per cancro al seno è stato analogamente dipendente dallo stato linfonodale, ma il rischio di cancro al seno controlaterale non lo è stato.

Dato lo stato linfonodale, i fattori di grado tumorale ( disponibili in 43.590 pazienti ) e lo stato di Ki-67 ( disponibile in 7.692 pazienti ), che sono fortemente correlati tra loro, sono stati solo di moderato valore predittivo indipendente per recidiva a distanza, ma lo stato riguardante il recettore del progesterone ( in 54.115 pazienti ) e il recettore del fattore di crescita epidermico umano 2 ( HER2 ) ( in 15.418 pazienti negli studi senza uso di Trastuzumab ) non è stato predittivo.

Durante il periodo di studio da 5 a 20 anni, il rischio assoluto di recidiva a distanza tra le pazienti con cancro mammario T1N0 è stato del 10% per malattia di basso grado, del 13% per malattia di grado moderato e del 17% per malattia di alto grado; i rischi corrispondenti di qualsiasi recidiva o di un tumore mammario controlaterale sono stati, rispettivamente, del 17%, 22% e 26%.

In conclusione, dopo 5 anni di terapia endocrina adiuvante, le recidive di carcinoma mammario hanno continuato a verificarsi in modo costante per tutto il periodo di studio da 5 a 20 anni.
Il rischio di recidiva a distanza è stato fortemente correlato con lo stato linfonodale originale, con rischi che dal 10 al 41%, a seconda dello stato linfonodale e del grado di tumore. ( Xagena2017 )

Pan H et al, N Engl J Med 2017; 377: 1836-1846

Onco2017 Gyne2017 Farma2017


Indietro