Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Sacituzumab govitecan nel carcinoma mammario metastatico HR-positivo, HER-negativo


Il tumore mammario metastatico endocrino-resistente positivo al recettore ormonale ( HR+ ) e negativo al recettore del fattore di crescita epidermico umano 2 ( HER2- ) viene trattato con chemioterapia sequenziale a singolo agente con esito sfavorevole.

Sacituzumab govitecan ( Trodelvy ) è un coniugato anticorpo-farmaco di prima classe con un carico utile SN-38 mirato all'antigene 2 della superficie cellulare del trofoblasto, un antigene epiteliale espresso nel tumore mammario.

In uno studio di fase III globale, randomizzato, Sacituzumab govitecan è stato confrontato con la chemioterapia scelta dal medico ( Eribulina, Vinorelbina, Capecitabina o Gemcitabina ) nel cancro mammario endocrino-resistente, HR+/HER2-, trattato con chemioterapia con recidiva locale inoperabile o metastatico.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediante revisione centrale indipendente in cieco.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Sacituzumab govitecan ( n=272 ) o chemioterapia ( n=271 ).
L'età media era di 56 anni, il 95% aveva metastasi viscerali e il 99% aveva ricevuto un precedente inibitore della chinasi 4/6 ciclina-dipendente ( CDK4/6 ), con tre linee mediane di chemioterapia per malattia avanzata.

L'endpoint primario è stato raggiunto con una riduzione del 34% del rischio di progressione o morte ( hazard ratio, HR=0.66; P=0.0003 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 5.5 mesi con Sacituzumab govitecan e 4.0 mesi con la chemioterapia; la sopravvivenza PFS a 6 e 12 mesi è stata del 46% contro il 30% e del 21% contro il 7%, rispettivamente.

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana ( prima analisi ad interim pianificata ) non era ancora matura ( HR=0.84; P=0.14 ).

Gli eventi avversi principali correlati al trattamento di grado maggiore o uguale a 3 ( Sacituzumab govitecan versus chemioterapia ) sono stati neutropenia ( 51% vs 38% ) e diarrea ( 9% vs 1% ).

Sacituzumab govitecan ha dimostrato un beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione statisticamente significativo rispetto alla chemioterapia, con un profilo di sicurezza gestibile nei pazienti con tumore mammario avanzato HR+/HER2- fortemente pretrattato, endocrino-resistente e opzioni terapeutiche limitate. ( Xagena2022 )

Rugo HS et al, J Clin Oncol 2022; 40: 3365-3376

Gyne2022 Onco2022 Farma2022



Indietro