Oncologia Morabito
Novartis
OncoHub
Janssen Oncology

Savolitinib una volta al giorno in pazienti cinesi con carcinoma sarcomatoide polmonare e altri tumori polmonari non-a-piccole cellule portatori di alterazioni dello skipping dell'esone 14 di MET


Savolitinib ( Orpathys ) è un inibitore selettivo della tirosin-chinasi di MET. Sono state studiate l'attività e la sicurezza di Savolitinib nei pazienti con carcinoma sarcomatoide del polmone e altri sottotipi di tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) positivo per alterazioni dello skipping ( salto ) dell’esone 14 di MET ( METex14-positivo ).

È stato condotto uno studio di fase 2 multicentrico, a braccio singolo, in aperto, in 32 ospedali in Cina.
I pazienti eleggibili avevano 18 anni o più con carcinoma sarcomatoide del polmone METex14-positivo localmente avanzato o metastatico o altri sottotipi di tumore NSCLC, presentavano progressione della malattia o intolleranza alla tossicità verso uno o più trattamenti standard o erano ritenuti clinicamente inadatti per il trattamento standard, erano naive-agli-inibitori di MET e avevano una malattia misurabile.

I pazienti hanno ricevuto 600 mg ( peso corporeo 50 kg ) o 400 mg ( peso corporeo inferiore a 50 kg ) di Savolitinib orale una volta al giorno fino a progressione della malattia, morte, tossicità intollerabile, inizio di un'altra terapia antitumorale, non-compliance, ritiro del paziente o interruzione del paziente.

La valutazione radiografica del tumore è stata eseguita al basale, ogni 6 settimane entro 1 anno dalla prima dose e successivamente ogni 12 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva, definita come la percentuale di pazienti con risposte complete o parziali confermate dalla valutazione del Comitato di revisione indipendente ( IRC ).
L'endpoint primario è stato valutato nell'insieme valutabile della risposta tumorale, che comprendeva tutti i pazienti trattati con una lesione misurabile al basale e almeno un'adeguata valutazione del tumore post-basale programmata o la presenza di progressione della malattia radiologica, con un'analisi di sensibilità completa nel set di analisi, che comprendeva tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di Savolitinib.
Anche la sicurezza è stata valutata nell'intero set di analisi.

Dal 2016 al 2020, 84 pazienti con alterazioni di skipping di METex14 sono stati vagliati per l'ammissibilità, 70 dei quali sono stati arruolati, hanno ricevuto Savolitinib e hanno costituito l'intero set di analisi.
Il set valutabile per la risposta tumorale valutata dal Comitato IRC ha compreso 61 pazienti.

A un follow-up mediano di 17.6 mesi, il tasso di risposta obiettiva valutato dal Comitato IRC è stato del 49.2% ( 30 su 61 pazienti ) nell’insieme di risposta del tumore valutabile e del 42.9% ( 30 su 70 pazienti ) nel set di analisi completo.

Tutti i 70 pazienti hanno riportato almeno un evento avverso correlato al trattamento.
Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o superiore si sono verificati in 32 pazienti ( 46% ), i più frequenti dei quali sono stati: aumento dell'aspartato aminotransferasi [ AST ] ( n=9 ), aumento dell'alanina aminotransferasi [ ALT ] ( n=7 ) ed edema periferico ( n=6 ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 17 pazienti ( 24% ), i più comuni sono stati la funzionalità epatica anormale ( n=3 ) e l'ipersensibilità ( n=2 ).
Un decesso dovuto alla sindrome da lisi tumorale in un paziente con carcinoma sarcomatoide del polmone è stato probabilmente correlato a Savolitinib.

Savolitinib ha prodotto un'attività promettente e ha avuto un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti con carcinoma sarcomatoide del polmone e altri sottotipi di tumore al polmone non-a-piccole cellule positivi per alterazioni di skipping di METex14. Savolitinib potrebbe quindi essere una nuova opzione di trattamento in questa popolazione. ( Xagena2021 )

Lu S et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 1154-1164

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro