Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

Selumetinib più Dacarbazina versus placebo più Dacarbazina come trattamento di prima linea per il melanoma metastatico con mutazione in BRAF


Pazienti con melanoma metastatico, il 50% dei quali con mutazione in BRAF, hanno una prognosi infausta.

Selumetinib, un inibitore di MEK1/2, ha mostrato attività antitumorale nei pazienti con melanoma con mutazione in BRAF e in modelli preclinici quando combinato con la chemioterapia.

Lo studio è stato disegnato con l’obiettivo di identificare un segnale di miglioramento di efficacia con la combinazione di Selumetinib e Dacarbazina ( Deticene ), rispetto alla sola Dacarbazina.

Lo studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo e di fase 2 ha valutato Selumetinib più Dacarbazina versus placebo più Dacarbazina come trattamento di prima linea in pazienti di età superiore a 18 anni con melanoma cutaneo o di origine primaria sconosciuta, avanzato, con mutazione in BRAF e confermato a livello istologico o citologico.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale e in un rapporto 1:1 ad assumere per via orale Selumetinib ( 75 mg 2 volte al giorno in un ciclo di 21 giorni ) oppure placebo; tutti i pazienti hanno ricevuto per via intravenosa Dacarbazina ( 1000 mg/m2 al giorno 1 di un ciclo di 21 giorni ).

L’endpoint primario era la sopravvivenza generale analizzata per intention-to-treat.

Nel periodo 2009-2010, 91 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere Dacarbazina in combinazione con Selumetinib ( n=45 ) oppure placebo ( n=46 ).

La sopravvivenza generale non ha mostrato differenze significative tra i gruppi ( mediana 13.9 mesi nel gruppo Selumetinib più Dacarbazina, e 10.5 mesi nel gruppo placebo più Dacarbazina; hazard ratio [ HR ] 0.93, p a una coda=0.39 ).

Tuttavia, la sopravvivenza libera da progressione è migliorata significativamente nel gruppo Selumetinib più Dacarbazina versus il gruppo placebo più Dacarbazina ( HR=0.63, p a una coda=0.021 ), con una mediana di 5.6 mesi versus 3.0 mesi, rispettivamente.

I più frequenti eventi avversi hanno incluso nausea ( 64% nel gruppo Selumetinib vs 56% nel gruppo placebo ), dermatite acneiforme ( 52% vs 2% ), diarrea ( 48% vs 29% ), vomito ( 48% vs 33% ) ed edema periferico ( 43%vs 7% ).

Il più comune evento avverso di grado 3-4 è stata la neutropenia ( 14% nel gruppo Selumetinib più Dacarbazina vs 9% nel gruppo placebo più Dacarbazina ).

In conclusione, la combinazione Selumetinib più Dacarbazina ha mostrato attività clinica nei pazienti con melanoma cutaneo o di origine primaria sconosciuta con mutazioni in BRAF, che si è tradotta in un significativo beneficio di sopravvivenza libera da progressione rispetto a placebo più Dacarbazina, benché non siano state osservati cambiamenti significativi nella sopravvivenza generale.
La tollerabilità di tale combinazione è risultata generalmente in linea con i profili di sicurezza della monoterapia. ( Xagena2013 )

Robert C et al, Lancet Oncol 2013; 14: 733-740

Onco2013 Dermo2013 Farma2013


Indietro