Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
OncoPneumologia

Sicurezza ed efficacia della monoterapia con Pembrolizumab in pazienti con tumore gastrico e tumore della giunzione gastroesofagea avanzato precedentemente trattato: studio KEYNOTE-059


Sono necessarie opzioni terapeutiche per i pazienti con tumore gastrico avanzato la cui malattia è progredita dopo due o più linee di terapia.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Pembrolizumab ( Keytruda ) in una coorte di pazienti con cancro gastrico o della giunzione gastroesofagea precedentemente trattato.

Nello studio di fase 2 in aperto, a braccio singolo, KEYNOTE-059, 259 pazienti in 16 Paesi sono stati arruolati in una coorte tra il 2015 e il 2016.

Il follow-up mediano è stato di 5.8 mesi.

I pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane fino a progressione della malattia, alla decisione del ricercatore o del paziente di ritirarsi o ad effetti tossici inaccettabili.

Gli endpoint primari erano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e la sicurezza.
Il tasso di risposta obiettiva è stato valutato mediante revisione radiologica centrale per i criteri RECIST versione 1.1, in tutti i pazienti e in quelli con tumori positivi a PD-L1.
L'espressione di PD-L1 è stata valutata mediante immunoistochimica.
Gli endpoint secondari hanno incluso la durata della risposta.

Su 259 pazienti arruolati, la maggior parte erano maschi ( 198, 76.4% ) e bianchi ( 200, 77.2% ); l'età mediana era di 62 anni.

Il tasso di risposta obiettiva è stato dell'11.6% ( 30 su 259 pazienti ), con una risposta completa nel 2.3% dei casi ( 6 su 259 pazienti ).

La durata della risposta mediana è stata di 8.4 mesi.

Il tasso di risposta obiettiva e la durata della risposta mediana sono stati del 15.5% ( 23 su 148 pazienti ) e 16.3 e 6.4% (7 su 109 pazienti ) e 6.9 mesi nei pazienti con tumori PD-L1-positivi e PD-L1-negativi, rispettivamente.

46 pazienti ( 17.8% ) hanno manifestato uno o più eventi avversi correlati al trattamento di grado da 3 a 5.

Due pazienti ( 0.8% ) hanno interrotto lo studio a causa di eventi avversi correlati al trattamento, e due decessi sono stati considerati correlati al trattamento.

In conclusione, la monoterapia con Pembrolizumab ha dimostrato attività promettente e sicurezza gestibile in pazienti con carcinoma gastrico o carcinoma della giunzione gastroesofagea avanzato che avevano precedentemente ricevuto almeno 2 linee di trattamento.
Risposte durature sono state osservate in pazienti con tumori PD-L1-positivi e PD-L1-negativi.
Ulteriori studi su Pembrolizumab per questo gruppo di pazienti sono giustificati. ( Xagena2018 )

Fuchs CS et al, JAMA Oncol 2018; 4

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro