Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
OncoGeriatria

Sicurezza ed efficacia di Durvalumab con o senza Tremelimumab nei pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo recidivante o metastatico PD-L1 basso / negativo: studio CONDOR


Il doppio blocco del ligando 1 di morte cellulare programmata ( PD-L1 ) e della proteina 4 associata ai linfociti T citotossici ( CTLA-4 ) può superare l'inibizione del checkpoint immunitario.
Non è noto se il doppio blocco possa potenziare l'attività antitumorale senza compromettere la sicurezza nei pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo recidivante o metastatico ( R/M HNSCC ) e bassa o nessuna espressione di PD-L1 sulle cellule tumorali.

Sono stati valutati la sicurezza e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) di Durvalumab ( Imfinzi ) in combinazione con Tremelimumab.

Lo studio CONDOR era uno studio di fase 2, randomizzato, in aperto, su Durvalumab, Tremelimumab, e Durvalumab in combinazione con Tremelimumab nei pazienti con tumore HNSCC recidivato / metastatico.
I criteri di eleggibilità includevano malattia con espressione di PD-L1 basso / negativo che era progredita dopo 1 regime contenente Platino nell'impostazione recidivato / metastatico.
I pazienti sono stati randomizzati ( n=267 ) tra il 2015 e il 2016, in 127 siti in Nord America, Europa e Asia Pacifico.

Ai pazienti è stato somministrato Durvalumab ( 20 mg/kg ogni 4 settimane ) + Tremelimumab ( 1 mg/kg ogni 4 settimane ) per 4 cicli, seguito da Durvalumab ( 10 mg/kg ogni 2 settimane ) o Durvalumab ( 10 mg/kg ogni 2 settimane ) in monoterapia, o Tremelimumab ( 10 mg/kg ogni 4 settimane per 7 dosi, poi ogni 12 settimane per 2 dosi ) in monoterapia.

Gli esiti principali erano sicurezza, tollerabilità ed efficacia misurate dal tasso di risposta obiettiva.

Tra i 267 pazienti ( 220 uomini, 82.4% ), l'età media era di 61.0 anni.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3/4 si sono verificati in 21 pazienti ( 15.8% ) trattati con Durvalumab più Tremelimumab, 8 ( 12.3% ) trattati con Durvalumab e 11 ( 16.9% ) trattati con Tremelimumab.
Eventi avversi immuno-mediati di grado 3/4 si sono verificati in 8 pazienti ( 6.0% ) solo nel braccio di combinazione.

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 7.8% nel braccio di combinazione ( n=129 ), 9.2% per la monoterapia con Durvalumab ( n=65 ) e 1.6% per la terapia con Tremelimumab ( n=63 ); la sopravvivenza globale mediana per tutti i pazienti trattati è stata di 7.6, 6.0 e 5.5 mesi, rispettivamente.

Nei pazienti con carcinoma del testa-collo a cellule squamose recidivato / metastatico e bassa o nessuna espressione di PD-L1 sulle cellule tumorali, tutti e tre i regimi hanno mostrato un profilo di tossicità gestibile.
Durvalumab e Durvalumab più Tremelimumab hanno portato a beneficio clinico, con una minima differenza osservata tra i due. ( Xagena2019 )

Siu LL et al, JAMA Oncol 2019; 5: 195-203

Neuro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro