Novartis
Roche Oncologia
OncoHub
Tumore prostata

Sorafenib riduce l’incidenza di metastasi cerebrali nel carcinoma a cellule renali


Uno studio retrospettivo ha valutato l’incidenza di metastasi cerebrali in un sottogruppo di pazienti con carcinoma renale metastatico, che erano stati randomizzati a ricevere Sorafenib, un inibitore multichinasico somministrato per via orale, al dosaggio di 400 mg 2 volte al giorno, rispetto al placebo nello studio di fase III TARGET ( Treatment Approaches in Renal Cancer Global Evaluation Trial ).

L’incidenza generale delle metastasi cerebrali nei pazienti trattati con Sorafenib è stata del 3% ( 2 su 70 pazienti ) contro il 12% ( 8 su 69 pazienti ) di coloro che avevano ricevuto placebo ( p
L’incidenza di metastasi cerebrali era anche significativamente più bassa nel gruppo Sorafenib dopo un anno ( p=0.0447 ) e due anni ( p=0.005 ) di trattamento, rispetto al gruppo placebo.

Dallo studio è emerso che in questa sottopopolazione, Sorafenib può ridurre l'insorgenza di metastasi cerebrali.
Pertanto, la terapia antiangiogenica con Sorafenib può rappresentare un trattamento preventivo per le metastasi cerebrali nel tumore a cellule renali in stadio avanzato. ( Xagena2009 )

Massard C et al, Ann Oncol 2009; Published Online


Onco2009 Farma2009 Neuro2009 Nefro2009


Indietro