Novartis
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub

Studio IMPACT: la terapia di mantenimento con MGN1703 dopo trattamento standard di prima linea prolunga la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con carcinoma colorettale metastatico


MGN1703 è un immunomodulatore sintetico basato sul DNA con attività TLR-9 agonista.
I risultati di uno studio sulla terapia di mantenimento con MGN1703 successiva al trattamento standard di prima linea efficace nei pazienti con tumore metastatico del colon-retto ( mCRC ) sono stati riportati in occasione del Congresso ESMO 2012.

Lo studio di fase II/III IMPACT ha valutato l'efficacia clinica, l'immunogenicità e la sicurezza di MGN1703 rispetto al placebo nei pazienti con mCRC che hanno ottenuto una risposta completa ( CR ), risposta parziale ( PR ) o malattia stabile ( SD ) in seguito a 4.5-6 mesi di terapia standard di prima linea con FOLFOX / XELOX o FOLFIRI, entrambi con e senza Bevacizumab ( Avastin ).

La randomizzazione è stata interrotta dopo che l'analisi ad interim dei dati non-in-cieco ha dimostrato un forte effetto terapeutico con MGN1703; l'hazard ratio ( HR ) è stato pari a 0.53; p=0.062 nei 55 pazienti che hanno composto la popolazione intent-to-treat.

Nella popolazione per-protocol, che ha escluso i fallimenti di screening e comprendeva 50 pazienti, l’hazard ratio è stato pari a 0.43 ( p=0.015 ), favorendo ancora una volta MGN1703.

La sopravvivenza libera da progressione nella popolazione bersaglio pre-definita di 46 pazienti ( 2 fattori su 3: CEA [ antigene carcinoembrionario ] inferiore a 30 x ULN, GGT [ gamma glutamil transferasi ] inferiore a 2 x ULN, AP [ fosfatasi alcalina ] inferiore a 2 x ULN ) è stata di 5.8 mesi con MGN1703 rispetto a 2.7 mesi con placebo ( HR=0.39; p=0.013 ).

Dopo 3 mesi di trattamento, i tassi di sopravvivenza libera da progressione erano 43% con MGN1703 e 8% con placebo ( p minore di 0.001 ); dopo 6 mesi i tassi sono stati pari al 34% contro l'8% ( p=0.011 ) e in 9 mesi i tassi di sopravvivenza libera da progressione sono stati del 22% rispetto a 0% ( p=0.010 ), rispettivamente, per MGN1703 e placebo.

Il trattamento è stato ben tollerato con bassa tossicità.
Eventi avversi correlati al farmaco hanno incluso febbre, polmonite atipica, dolori muscolari, artralgia, affaticamento, parestesia, rash, prurito su siti di iniezione e aumento degli ANA ( anticorpi anti-nucleo ).

È stato avviato uno studio clinico di conferma nei pazienti con tumore del colon e del retto, metastatico, per approfondire i risultati di sopravvivenza libera da progressione associata a MGN1703, significativamente prolungata, rispetto al placebo nei pazienti che hanno completato la chemioterapia standard, con o senza Bevacizumab.

Il trattamento con MGN1703 nello studio di fase II/III IMPACT è risultato associato a bassa tossicità. ( Xagena2012 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Meeting, 2012


Onco2012 Gastro2012 Farma2012


Indietro