Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
OncoGeriatria

Studio PLCO: nessuna evidenza di beneficio sulla mortalità dello screening dell’antigene prostatico specifico


Gli uomini arruolati nello studio di screening Prostate, Lung, Colorectal and Ovarian Cancer ( PLCO ) non hanno presentato alcuna evidenza di un beneficio sulla mortalità, rispetto a un gruppo di controllo di uomini sottoposti a terapia tradizionale, secondo uno studio pubblicato sul Journal of National Cancer Institute.

Lo studio PLCO è uno studio multicentrico a due bracci, che ha iniziato l’arruolamento di pazienti nel 1993 con un follow-up fino al 2009, ed è stato progettato per valutare l'effetto dello screening su questi specifici tumori.

I partecipanti avevano un’età compresa tra 55 e 74 anni, e non avevano alcuna precedente storia personale di questi tumori.

Gli uomini nel braccio di intervento si sono sottoposti a un test annuale per PSA ( antigene prostatico specifico ) per 6 anni e ad esame rettale digitale annuale per 4 anni, mentre quelli nel braccio di controllo hanno ricevuto le abituali cure mediche, che per alcuni uomini ha incluso lo screening.

Un precedente report sui risultati di PLCO nell’arco di 10 anni era stato criticato per il fatto che il periodo di follow-up era troppo breve.

Per determinare gli esiti a lungo termine tra gli uomini arruolati nello studio PLCO, un gruppo di ricercatori della Washington University School of Medicine di St Louis ( Stati Uniti ) ha esaminato gli esiti nell’arco di 13 anni.

È stato trovato un aumento relativo, statisticamente significativo, del 12% nel tasso di incidenza del cancro alla prostata, e una diminuzione, statisticamente non-significativa, dell'incidenza di tumore alla prostata di alto grado nel braccio di intervento rispetto al braccio di controllo, ma nessuna differenza nella mortalità tra i due bracci.
Inoltre, non è stato riscontrato alcun apparente effetto differenziale dello screening per età, test PSA precedenti allo studio, o comorbilità.

I miglioramenti nel trattamento del carcinoma della prostata sono probabilmente almeno in parte responsabili del calo dei tassi di mortalità del tumore prostatico.
Tuttavia, anche se la vita è prolungata dalla terapia, le possibilità di cause competitive di morte sono risultate aumentate, soprattutto tra gli uomini più anziani.

Dei 4.250 pazienti affetti da cancro alla prostata diagnosticati nel braccio di intervento, 455 ( 10.7% ) sono deceduti per cause diverse dai tipi di cancro studiati; nel braccio di controllo, 3.815 uomini sono stati diagnosticati con cancro alla prostata di cui 377 ( 9.9% ) sono deceduti, anche per altre cause.

Si è verificata una più alta percentuale di decessi per altre cause, quindi, tra i pazienti con cancro della prostata diagnosticato nel braccio di intervento, un’indicazione di sovra-diagnosi è associata al rilevamento di PSA. ( Xagena2012 )

Fonte: Journal of National Cancer Institute, 2012



Onco2012 Uro2012 Diagno2012



Indietro