Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Novartis
OncoHub

Studio TEMAVIR ANOCEF: Irinotecan più Bevacizumab come neoadiuvante e adiuvante nella chemioradioterapia a base di Temozolomide nei pazienti con glioblastoma non-resecabile


Un gruppo di ricercatori ha valutato se Irinotecan ( Campto ) e Bevacizumab ( Avastin ) aggiunti alla chemioradioterapia basata su Temozolomide ( Temodal ) possano migliorare la prognosi dei pazienti con glioblastoma non-operabile.

I risultati dello studio presentati al Congresso ESMO 2012 hanno mostrato una tendenza verso una migliore sopravvivenza libera da progressione.

Questo studio randomizzato di fase II ha arruolato 120 pazienti, di età compresa tra 18 e 70 anni con glioblastoma non-operabile de novo, performance status di Karnofsky superiore a 50 e analisi di partizione ricorsiva ( RPA ) di classe 5.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, 60 pazienti per braccio, a ricevere 4 cicli di Bevacizumab più Irinotecan neoadiuvanti prima della radioterapia con Temozolomide e Bevacizumab concomitanti, oppure a ricevere un trattamento di controllo di Temozolomide più radioterapia simultanei per 6 mesi.

I fattori clinici sono stati ben bilanciati tra le braccia e il cross-over è stato ammesso sulla progressione.

Una valutazione effettuata a 16 mesi dal trattamento ha dimostrato una più lunga sopravvivenza libera da progressione nel braccio di trattamento rispetto al braccio di controllo; una sopravvivenza di 6 e 12 mesi è stata raggiunta dal 65 e dal 31% dei pazienti nel braccio di trattamento rispetto al 41 e 18% dei pazienti nel braccio di controllo.

Tuttavia, la sopravvivenza globale è risultata simile tra i due gruppi; una sopravvivenza di 6 e 12 mesi è stata raggiunta dal 75 e dal 48% dei pazienti nel braccio di trattamento rispetto al 72 e al 50% nel braccio di controllo, rispettivamente.

Gravi eventi avversi correlati al trattamento di emorragie cerebrali fatali si sono verificati in 3 pazienti; sono stati osservati nel braccio di trattamento 3 casi ( 1 fatale ) di perforazione / infezione delle vie biliari o digestive e 4 episodi tromboembolici non-fatali.

Nel braccio di controllo sono stati osservati 2 casi non-fatali di perforazione / infezione delle vie biliari o digestive, 1 infezione polmonare non-fatale, 2 casi non-fatali di tromboembolia e 4 casi non fatali di trombocitopenia e/o neutropenia.

Dallo studio è emerso che l'aggiunta di Irinotecan più Bevacizumab come neoadiuvante e adiuvante alla chemioradioterapia a base di Temozolomide ha mostrato una tendenza verso una migliore sopravvivenza libera da progressione, ma non ha migliorato i 6 e i 12 mesi di sopravvivenza globale rispetto alla chemioradioterapia. ( Xagena2012 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Meeting, 2012


Onco2012 Neuro2012 Farma2012


Indietro