Roche Oncologia
Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub

Trattamento neoadiuvante con Trastuzumab nel tumore del seno HER2+


Trastuzumab ( Herceptin ), un anticorpo umanizzato contro HER-2 ( recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ), è molto efficace nel tumore del seno.

Uno studio ha valutato in modo prospettico l’efficacia di Trastuzumab quando somministrato in modo concomitante a chemioterapia neoadiuvante basata su antracicline e taxani.

Le pazienti con tumori positivi per HER2, operabili o localmente avanzati, sono state trattate prima dell'operazione con 4 cicli di Epirubicina ( Farmorubicina ) e Ciclofosfamide ( Endoxan ) seguiti da 4 cicli di Docetaxel ( Taxotere ) con o senza Capecitabina ( Xeloda ) ( EC-T[X] ) e Trastuzumab 6 mg/kg ( con una dose di carico di 8 mg/kg ) ogni 3 settimane durante tutti i cicli di chemioterapia.

Le pazienti con tumori HER2-negativi trattate nello studio con lo stesso regime di chemioterapia ma senza Trastuzumab sono state utilizzate come gruppo di riferimento.

Delle 1.509 partecipanti, 445 avevano tumori HER2+, trattati con Trastuzumab e chemioterapia.

Il tasso di risposta patologica completa ( pCR; definita come tumore mammario residuo non-invasivo o in situ ) è stato pari al 31.7%, il 16% più alto di quello osservato nel gruppo di riferimento ( 15.7% ).

Le pazienti con tumore HER-2+ senza risposta durante i primi 4 cicli di Epirubicina e Ciclofosfamide hanno mostrato un tasso di risposta patologica completa inaspettatamente alto del 16.6% ( 3.3% nel gruppo di riferimento ).

Il tasso di conservazione del seno è stato del 63.1%, paragonabile a quello del gruppo di riferimento ( 64.7% ).

La terapia a base di Docetaxel con o senza Capecitabina più Trastuzumab è risultata associata a più neutropenia febbrile e congiuntiviti, ma ha mostrato un profilo di tossicità cardiaca a breve termine simile a quella del gruppo di riferimento.

In conclusione, lo studio ha conferma che la combinazione Trastuzumab con chemioterapia neoadiuvante a base di antracicline / taxani porta a un alto tasso di risposta patologica completa senza tossicità precoce clinicamente rilevante.
La combinazione di chemioterapia con Trastuzumab dovrebbe essere presa in considerazione quando si somministra il trattamento neoadiuvante a pazienti con carcinoma mammario HER2+. ( Xagena2010 )

Untch M et al, J Clin Oncol 2010; 28: 2024-2031

Farma2010 Onco2010 Gyne2010


Indietro