BMS
Lung Unit
Novartis
Tumori testa-collo

Tucatinib, Trastuzumab e Capecitabina per tumore alla mammella metastatico HER2-positivo


I pazienti con tumore mammario metastatico positivo al recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2 ) che hanno progressione della malattia dopo la terapia con più agenti mirati a HER2 hanno opzioni di trattamento limitate.
Tucatinib ( Tukysa ) è un inibitore sperimentale orale altamente selettivo della tirosin-chinasi di HER2.

Sono stati assegnati in modo casuale pazienti con tumore mammario metastatico HER2-positivo precedentemente trattato con Trastuzumab, Pertuzumab e Trastuzumab Emtansine, che avevano o non avevano metastasi cerebrali, a ricevere Tucatinib oppure placebo, in combinazione con Trastuzumab e Capecitabina.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione tra i primi 480 pazienti sottoposti a randomizzazione.
Gli endpoint secondari, valutati nella popolazione totale ( 612 pazienti ), includevano la sopravvivenza globale ( OS ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) tra i pazienti con metastasi cerebrali, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato e la sicurezza.

La sopravvivenza libera da progressione a 1 anno è stata del 33.1% nel gruppo di combinazione con Tucatinib e del 12.3% nel gruppo di combinazione con placebo ( hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.54; P minore di 0.001 ) e la durata mediana della sopravvivenza libera da progressione è stata rispettivamente di 7.8 e 5.6 mesi.

La sopravvivenza globale a 2 anni è stata del 44.9% nel gruppo di combinazione con Tucatinib e del 26.6% nel gruppo di combinazione con placebo ( hazard ratio per morte, HR=0.66; P=0.005 ) e la sopravvivenza globale mediana è stata di 21.9 mesi e 17.4 mesi, rispettivamente.

Tra i pazienti con metastasi cerebrali, la sopravvivenza libera da progressione a 1 anno è stata del 24.9% nel gruppo di combinazione con Tucatinib e dello 0% nel gruppo di combinazione con placebo ( HR=0.48; P minore di 0.001 ) e la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 7.6 mesi e 5.4 mesi, rispettivamente.

Gli eventi avversi comuni nel gruppo Tucatinib hanno incluso diarrea, sindrome da eritrodisestesia palmo-plantare, nausea, affaticamento e vomito.
Diarrea e i livelli elevati di aminotransferasi di grado 3 o superiore sono stati più comuni nel gruppo di combinazione con Tucatinib che nel gruppo di combinazione con placebo.

Nei pazienti pesantemente pretrattati con tumore mammario metastatico HER2-positivo, compresi quelli con metastasi cerebrali, l'aggiunta di Tucatinib a Trastuzumab e Capecitabina ha determinato una migliore sopravvivenza libera da progressione e migliori esiti di sopravvivenza globale rispetto all'aggiunta di placebo; i rischi di diarrea e livelli elevati di aminotransferasi sono stati maggiori con Tucatinib. ( Xagena2020 )

Murthy RK et al, N Engl J Med 2020; 382: 597-609

Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro