Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario
Controversies in Genitourinary Tumors

Gestione delle metastasi cerebrali nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule con mutazione EGFR, naive agli inibitori della tirosin-chinasi


La radiochirurgia stereotassica ( SRS ), la radioterapia dell'intero cervello ( panencefalica; WBRT ) e gli inibitori della tirosin-chinasi ( TKI ) di EGFR ( fattore di crescita dell'epidermide ) sono opzioni di trattamento per le metastasi cerebrali nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) EGFR-mutato. 
È stato determinato il trattamento ottimale dei pazienti con tumore NSCLC EGFR-mutato che sviluppano metastasi al cervello e non hanno ricevuto inibitori della tirosin-chinasi di EGFR ( EGFR-TKI ).

In totale 351 pazienti provenienti da 6 Centri con tumore NSCLC EGFR-mutato con metastasi cerebrali hanno soddisfatto i criteri di inclusione per lo studio. 
I criteri di esclusione erano: precedente uso di inibitori della tirosin-chinasi di EGFR, mutazione di resistenza agli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR, mancata assunzione di inibitori della tirosin-chinasi di EGFR dopo terapia WBRT / SRS, o insufficiente follow-up.

I pazienti sono stati sottoposti a radiochirurgia stereotassica seguita da inibitori della tirosin-chinasi di EGFR, radioterapia panencefalica seguita da inibitori della tirosin-chinasi di EGFR, oppure inibitori della tirosin-chinasi di EGFR seguiti da radiochirurgia stereotassica o radioterapia panencefalica al momento della progressione intracranica. 

La sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) intracranica sono state misurate a partire dalla data delle metastasi cerebrali.

La sopravvivenza mediana globale per le coorti radiochirurgia stereotassica ( n=100 ), radioterapia panencefalica ( n=120 ) e inibitori della tirosin-chinasi di EGFR ( n=131 ) è stata, rispettivamente, di 46, 30 e 25 mesi ( P minore di 0.001 ).

All'analisi multivariata, la radiochirurgia stereotassica rispetto agli inibitori TK di EGFR, radioterapia panencefalica rispetto a inibitori TK di EGFR, età, performance status, mutazione dell'esone 19 di EGFR e assenza di metastasi extracraniche erano associati a un miglioramento della sopravvivenza globale.

Anche se le coorti radiochirurgia stereotassica e inibitori della tirosin-chinasi di EGFR hanno condiviso caratteristiche prognostiche simili, la coorte radioterapia panencefalica ha presentato una maggiore probabilità di avere una prognosi meno favorevole ( P=0.001 ).

In conclusione, è stato dimostrato che l'uso precoce di inibitori della tirosin-chinasi di EGFR e il rinvio della radioterapia sono associati a sopravvivenza globale inferiore nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule EGFR-mutato, che sviluppano metastasi cerebrali. 
La radiochirurgia stereotassica seguita da inibitori TK di EGFR ha prodotto una sopravvivenza globale più lunga e ha permesso ai pazienti di evitare ipotenziali sequele neurocognitive della radioterapia panencefalica.
È necessario uno studio prospettico randomizzato riguardo a radiochirurgia stereotassica seguita da inibitori della tirosin-chinasi di EGFR versus inibitore di TK di EGFR seguito da radiochirurgia stereotassica alla progressione intracranica. ( Xagena2017 )

Magnuson WJ et al, J Clin Oncol 2017; 35: 1070-1077

Onco2017 Pneumo2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro