Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Tumori GenitoUrinari

Impiego di una firma genetica di 70 geni nelle decisioni relative alla chemioterapia adiuvante nel tumore alla mammella ER+ in fase precoce


I profili di espressione genica sono sempre più utilizzati in aggiunta ai fattori prognostici convenzionali per guidare le decisioni di chemioterapia adiuvante.
Le lineeguida olandesi indicano l'utilizzo di profili di espressione genica convalidati nelle pazienti con cancro al seno positivo per i recettori degli estrogeni ( ER ) in stadio precoce senza metastasi linfonodali in eccesso.

Uno studio ha valutato l'impatto di un test con firma di 70 geni ( 70-GS ) sulle decisioni di chemioterapia nei pazienti con tumore alla mammella ER-positivo in fase precoce.

In uno studio prospettico, osservazionale e multicentrico, in pazienti di età inferiore a 70 anni sottoposte a un intervento chirurgico per cancro al seno in fase precoce ER-positivo, è stato chiesto ai medici se intendevano somministrare chemioterapia adiuvante prima di mettere in atto il test 70-GS e dopo che il risultato del test era disponibile.

Tra il 2013 e il 2015 sono state arruolate 660 pazienti trattate in 33 ospedali.
Il 50% delle pazienti aveva cancro al seno pT1cN0, BRII, HER2-Neu-negativo.

Sulla base delle caratteristiche clinico-patologiche convenzionali, i medici hanno raccomandato chemioterapia in 270 ( 41% ) delle 660 pazienti, e consigliato di non-somministrare chemioterapia in 107 ( 16% ) delle 660 pazienti.
Per il restante 43% delle pazienti, i medici erano incerti e incapaci di dare consigli prima del test 70-GS.

Nelle pazienti per le quali era stata inizialmente raccomandata o non-raccomandata la chemioterapia, rispettivamente il 56% e il 59% sono state assegnate a un profilo di basso rischio dal test 70-GS ( k, 0.02 ).

Dopo la rivelazione del risultato del test 70-GS, il parere preliminare è stato modificato nel 51% delle pazienti che avevano ricevuto una raccomandazione prima del test; la raccomandazione definitiva del medico riguardo alla chemioterapia è risultata in linea con i dati del test 70-GS nel 96% delle pazienti.

In conclusione, in questo studio prospettico multicentrico in una selezione di pazienti affette da cancro alla mammella in fase precoce ER-positivo, l'uso del test 70-GS ha modificato la raccomandazione del medico sulla somministrazione della chemioterapia in metà delle pazienti. ( Xagena2017 )

Kuijer A et al, J Clin Oncol 2017; 35: 2814-2819

Gyne2017 Diagno2017 Onco2017 Farma2017


Indietro