Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Tumore prostata
OncoGeriatria

Nivolumab nel carcinoma uroteliale metastatico: il tasso di risposta è stato del 24.4% nei pazienti già trattati


I risultati dello studio, CheckMate -032, in aperto, di fase 1/2 , riguardante Nivolumab ( Opdivo ) nella coorte di pazienti con carcinoma uroteliale metastatico ( n=78 ), il tipo più comune di cancro alla vescica, sottoposti a terapia a base di Platino, sono stati presentati al 52° Meeting annuale dell’American Society of Clinical Oncology ( ASCO ).

L'endpoint primario era rappresentato dal tasso di risposta obiettiva ( ORR ) valutato dallo sperimentatore, che è stato pari al 24.4% ( IC 95%: 15.3-35.4 ) nei pazienti trattati con Nivolumab, con un follow-up minimo di 9 mesi.
Il tasso di risposta da parte del tumore con espressione di PD-L1, valutato come endpoint esplorativo, è risultato simile a prescindere dal livello di espressione di PD-L1.
Nei pazienti con espressione di PD-L1 inferiore a 1%, il tasso ORR è stato pari al 26.8%, e nei pazienti con espressione PD-L1 maggiore o uguale all’1%, il tasso ORR è stato del 24%.
A 1 anno, i pazienti trattati con Nivolumab avevano un tasso di sopravvivenza globale ( OS, un endpoint secondario ) del 45.6%, con una sopravvivenza globale mediana di 9.72 mesi ( IC 95%: 7.26-16.16 ).
Il profilo di sicurezza di Nivolumab in CheckMate -032 è risultato in linea con il profilo di sicurezza noto di Nivolumab in altri tipi di tumore.

Il carcinoma uroteliale è il tipo più comune di cancro della vescica, rappresentando circa il 90% dei casi di cancro alla vescica.
Il cancro della vescica è il nono tumore più comunemente diagnosticato in tutto il mondo, con una stima di 430.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno e più di 165.000 decessi all'anno.
La maggior parte dei tumori della vescica sono diagnosticati in fase iniziale, ma i tassi di recidiva e di progressione sono alti, e circa il 78% dei pazienti andrà incontro a una recidiva entro 5 anni.
I tassi di sopravvivenza variano in base alla fase e al tipo di cancro, e quando è diagnosticato.
Per il cancro della vescica allo stadio IV, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è del 15%.

CheckMate -032 è uno studio di fase ½, in aperto, in corso, che sta valutando la sicurezza e l'efficacia di Nivolumab in monoterapia o in combinazione con Ipilimumab ( Yervoy ) nei tumori solidi avanzati o metastatici.
Lo studio ha arruolato pazienti indipendentemente dall’espressione PD-L1.
L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva valutato dallo sperimentatore. Gli endpoint secondari comprendevano la sicurezza, la durata della risposta, la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione.

I dati presentati all'ASCO per il cancro uroteliale metastatico o localmente avanzato provenivano da una coorte di 78 pazienti che hanno ricevuto in precedenza una o più linee di terapia a base di Platino.
In questa analisi, i pazienti hanno ricevuto Nivolumab in monoterapia ( 3 mg/kg somministrati per via endovenosa ogni due settimane ) fino a progressione o a sospensione.
I pazienti trattati con Nivolumab in monoterapia sono stati autorizzati a continuare il trattamento al di là della progressione qualora Nivolumab fosse tollerato e fosse emerso un beneficio clinico; i pazienti potevano passare a ricevere la combinazione di Nivolumab e Ipilimumab se incontravano i criteri prespecificati.

Nello studio, il tasso di risposta obiettiva valutato dal ricercatore è stato del 24.4% ( IC 95%: 15.3-35.4 ) per la coorte di pazienti trattati con Nivolumab.
La durata mediana della risposta non era stimabile ( 9.92-NE ).
Inoltre, il tasso di sopravvivenza gobale a 12 mesi riportato per la coorte Nivolumab è stato del 45.6%, sulla base delle stime di Kaplan-Meier, con una sopravvivenza globale mediana di 9.72 mesi ( IC 95%: 7.26-16.16 ).
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.78 mesi ( IC 95%: 1.45-5.85 ).

Tra i pazienti randomizzati, 67 pazienti avevano tumore con espressione PD-L1 quantificabile: il 37.3% dei tumori esprimeva PD-L1 in misura maggiore o uguale a 1%.
Il tasso di risposta oggettiva era pari a 26.8% ( 14.2-42.9 ) nei pazienti con espressione di PD-L1 inferiore a 1%, e 24% ( 9.4-45.1 ) nei pazienti con PD-L1 maggiore o uguale a 1%.
L’efficacia di Nivolumab in base all’espressione di PD-L1 era un endpoint esplorativo nello studio CheckMate -032.

Il profilo di sicurezza di Nivolumab in CheckMate -032 era coerente con il profilo di sicurezza noto di Nivolumab in altri tipi di tumore.
Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 si sono verificati nel 22% dei pazienti trattati con Nivolumab, con gli eventi avversi di qualsiasi grado più frequenti riportati con un’incidenza maggiore o uguale al 10%: affaticamento ( 36% ), prurito ( 30% ), rash maculopapulare ( 18% ), aumento delle lipasi ( 14% ), nausea ( 13% ), artralgia ( 12% ) e anemia ( 10% ).
Due eventi avversi correlati al trattamento di grado 5 si sono verificati nei pazienti trattati con Nivolumab ( polmonite [ n=1 ] e trombocitopenia [ n=1 ] ).
Non è stato segnalato nessun caso di polmonite o trombocitopenia di grado 3 o 4. ( Xagena2016 )

Fonte: BMS, 2016

Uro2016 Onco2016 Farma2016


Indietro