Mediexplorer

OncologiaMedica.net

Oncologia Medica

Radioterapia preoperatoria o postoperatoria rispetto al solo intervento chirurgico per il sarcoma retroperitoneale


Il reclutamento nelle sperimentazioni cliniche per il sarcoma retroperitoneale è stato impegnativo, provocando l'interruzione del solo studio multicentrico randomizzato negli USA sulla radioterapia perioperatoria.
Tuttavia, l'uso della radioterapia per il sarcoma retroperitoneale è aumentato negli ultimi dieci anni, motivato in primo luogo dal suo ruolo ben definito nel sarcoma delle estremità.

È stato utilizzato un database di oncologia clinica a livello nazionale per confrontare separatamente la sopravvivenza globale per i pazienti con sarcoma retroperitoneale che sono stati sottoposti a un intervento chirurgico con radioterapia preoperatoria oppure chirurgia e radioterapia postoperatoria rispetto alla sola chirurgia.

Sono state fatte due analisi caso-controllo, abbinate per punteggio di propensione, dei dati del National Cancer Data Base, che hanno incluso pazienti adulti affetti da sarcoma retroperitoneale diagnosticato dal 2003 al 2011.

I pazienti sono stati inclusi se avevano sarcoma retroperitoneale primario localizzato, e sono stati classificati in tre gruppi in base all'uso della radioterapia: radioterapia preoperatoria, radioterapia postoperatoria, e assenza di radioterapia ( sola chirurgia ).
I pazienti sono stati esclusi se avevano ricevuto sia radioterapia preoperatoria che la radioterapia postoperatoria, o se erano stati sottoposti a radioterapia intraoperatoria.

L'obiettivo primario di interesse era la sopravvivenza globale per i pazienti che avevano ricevuto la radioterapia preoperatoria o la radioterapia postoperatoria rispetto a coloro che non sottoposti a radioterapia.

Sono stati inclusi in questa analisi 9.068 pazienti: 563 nel gruppo radioterapia preoperatoria, 2.215 nel gruppo radioterapia postoperatoria, e 6.290 nel gruppo senza radioterapia.
L’abbinamento ha portato a due gruppi di controllo ( radioterapia preoperatoria vs assenza di radioterapia e radioterapia postoperatoria vs assenza di radioterapia ) con differenze trascurabili di tutte le variabili demografiche, clinico-patologiche, e di livello di trattamento.

Nell'analisi caso-controllo abbinata per radioterapia preoperatoria, il tempo di follow-up mediano è stato di 42 mesi per il gruppo radioterapia preoperatoria rispetto a 43 mesi per il gruppo senza radioterapia; la sopravvivenza mediana globale è stata di 110 mesi rispetto a 66 mesi, rispettivamente.

Nell'analisi caso-controllo abbinata per radioterapia postoperatoria, il tempo di follow-up mediano è stato di 54 mesi per i pazienti nel gruppo radioterapia postoperatoria e 47 mesi per i pazienti nel gruppo senza radioterapia; la sopravvivenza mediana globale è stata di 89 mesi rispetto a 64 mesi, rispettivamente.

Sia la radioterapia preoperatoria ( hazard ratio, HR=0.70; P minore di 0.0001 ) che la radioterapia postoperatoria ( HR=0.78; P minore di 0.0001 ) sono state significativamente associate a un miglioramento della sopravvivenza globale rispetto alla sola chirurgia.

Questo sarebbe il più grande studio finora effettuato sugli effetti della radioterapia sulla sopravvivenza globale nei pazienti con sarcoma retroperitoneale.
La radioterapia è stata associata a un miglioramento della sopravvivenza globale rispetto alla sola chirurgia, sia come radioterapia preoperatoria che come radioterapia postoperatoria.
Insieme ai risultati dello studio in corso randomizzato EORTC sulla radioterapia preoperatoria per sarcoma retroperitoneale, questi dati potrebbero fornire sostegno supplementare al crescente uso della radioterapia nei pazienti con sarcoma retroperitoneale sottoposti a resezione chirurgica. ( Xagena2016 )

Nussbaum DP et al, Lancet 2016; 17: 966-975

Med2016 Onco2016



Indietro