Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario

Terapia di mantenimento con Lapatinib versus placebo dopo chemioterapia di prima linea nei pazienti con tumore della vescica HER 1/2-positivo metastatico


Uno studio ha cercato di stabilire se Lapatinib ( Tyverb ) come terapia di mantenimento dopo chemioterapia di prima linea è utile nel tumore uroteliale della vescica positivo al recettore del fattore di crescita epidermico umano ( HER ) 1/2 metastatico.

I pazienti con tumore uroteliale della vescica metastatico sono stati esaminati a livello centrale per l’iperespressione di HER1/HER2.
I pazienti con screening positivo per HER 1/2 e che non avevano progressione della malattia durante la chemioterapia ( da 4 a 8 cicli ) sono stati assegnati a caso a Lapatinib oppure a placebo dopo il completamento della chemioterapia di prima linea / iniziale per la malattia metastatica.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Tra il 2007 e il 2013, sono stati esaminati 446 pazienti con tumore uroteliale della vescica; 232 pazienti con malattia positiva a HER1 o a HER2 sono stati assegnati in modo casuale.

La sopravvivenza mediana libera da progressione per Lapatinib e placebo è stata, rispettivamente, di 4.5 e di 5.1 mesi, ( hazard ratio, HR=1.07; P=0.63 ).

La sopravvivenza globale per Lapatinib e placebo è stata, rispettivamente, di 12.6 e di 12.0 mesi ( HR=0.96; P=0.80 ).

Le interruzioni a causa di eventi avversi sono risultate simili in entrambi i gruppi ( 6% Lapatinib e 5% placebo ).

Il tasso di eventi avversi di grado 3 o 4 per Lapatinib e placebo è stato pari a 8.6% rispetto a 8.1% ( P=0.82 ).

Le analisi di sottogruppo dei pazienti fortemente positivi per HER1 / HER2 ( 3+ ai test immunoistochimici; n=111 ), pazienti positivi solo a HER1 ( n=102 ) e pazienti positivi solo a HER2 ( n=42 ) non hanno mostrato alcun beneficio significativo con Lapatinib in termini di sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale ( P maggiore di 0.05 per ciascuno ).

In conclusione, lo studio non ha trovato miglioramenti significativi nell’esito con l'aggiunta di Lapatinib come mantenimento alla cura standard. ( Xagena2017 )

Powles T et al, J Clin Oncol 2017; 35: 48-55

Uro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro