Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Controversies in Genitourinary Tumors
Tumore Ovaie

Utidelone più Capecitabina è più efficace di Capecitabina da sola per il tumore mammario metastatico pesantemente pretrattato refrattario ad antracicline e taxani


Utidelone, un analogo dell'Epotilone geneticamente modificato, ha mostrato risultati promettenti come potenziale trattamento per il tumore al seno in studi di fase 1 e 2. 
Uno studio di fase 3 ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di Utidelone più Capecitabina rispetto alla sola Capecitabina nelle pazienti con carcinoma mammario metastatico.

È stato effettuato uno studio multicentrico, in aperto, di superiorità, di fase 3, randomizzato, controllato, in 26 ospedali in Cina.
I partecipanti idonei erano pazienti di sesso femminile con tumore al seno metastatico refrattario a regimi chemioterapici con antracicline e taxani.

I partecipanti sono stati randomizzati a un ciclo di 21 giorni di Utidelone ( 30 mg/m2 per via endovenosa una volta al giorno nei giorni 1-5 ) più Capecitabina ( 1.000 mg/m2 per via orale due volte al giorno nei giorni 1-14 ), o alla sola Capecitabina ( 1.250 mg/m2 per via orale due volte al giorno nei giorni 1-14 ) fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione analizzata nella popolazione intention-to-treat. 
La sicurezza è stata valutata in tutte le partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2014 e il 2015, 270 pazienti sono stati arruolati e randomizzati al trattamento con Utidelone più Capecitabina e 135 a Capecitabina da sola.
Il follow-up per la sopravvivenza libera da progressione è stato di 6.77 mesi per il gruppo Utidelone più Capecitabina e 4.55 mesi per il gruppo sola Capecitabina.

La sopravvivenza mediana libera da progressione nel gruppo Utidelone più Capecitabina è stata di 8.44 mesi rispetto a 4.27 mesi nel gruppo sola Capecitabina; hazard ratio, HR=0.46, P minore di 0.0001.

La neuropatia periferica era il più comune evento avverso di grado 3 nel gruppo Utidelone più Capecitabina ( 58 su 267 pazienti, 22%, vs 1 su 130 pazienti, inferiore a 1%, nel gruppo sola Capecitabina ).

La eritrodisestesia palmo-plantare era il più importante evento avverso di grado 3 nel gruppo sola Capacitabina ( in 10 su 130 pazienti, 8% ) ed è stato l’evento di grado 3 successivo più frequente nel gruppo Utidelone più Capecitabina ( in 18 su 267 pazienti, 7% ).

Nel gruppo terapia di combinazione sono stati riportati 16 eventi avversi gravi ( il più comune era la diarrea, in 3 pazienti, 1% ) e sono stati segnalati 14 eventi avversi gravi nel gruppo monoterapia ( i più comuni sono stati: diarrea, aumento della bilirubina nel sangue e anemia, in 2 pazienti, 2%, per ogni evento ).

Sono morte 155 pazienti ( 99 nel braccio terapia di combinazione, 56 nel braccio in monoterapia ).
Tutti i decessi sono stati correlati alla progressione della malattia ad eccezione di un caso in ogni gruppo ( attribuito a versamento pericardico nel gruppo terapia di combinazione e a dispnea nel gruppo in monoterapia ) che sono stati considerati possibilmente o probabilmente correlati al trattamento.

Nonostante la progressione della malattia con precedenti chemioterapie, Utidelone più Capecitabina è risultato più efficace rispetto alla sola Capecitabina per l'esito di sopravvivenza senza progressione, con tossicità lieve tranne che per la neuropatia sensoriale periferica, che è stata gestibile.
I risultati di questo studio supportano l'uso di Utidelone più Capecitabina come opzione efficace per le pazienti con carcinoma mammario metastatico. ( Xagena2017 )

Zhang P et al, Lancet Oncology 2017; 18: 371-383

Onco2017 Gyne2017 Farma2017


Indietro