Novartis
BMS
Lung Unit
ForumOncologico

Abemaciclib più Trastuzumab con o senza Fulvestrant rispetto a Trastuzumab più chemioterapia standard nelle donne con cancro al seno avanzato HR-positivo e HER2-positivo: studio monarcHER


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche opzioni di trattamento efficaci.
Lo studio monarcHER ha confrontato l'efficacia di Abemaciclib ( Verzenios ) più Trastuzumab ( Herceptin ) con o senza Fulvestrant ( Faslodex ) con la chemioterapia standard scelta dal medico più Trastuzumab nelle donne con tumore mammario avanzato.

Questo studio di fase 2, in tre gruppi, in aperto, è stato condotto in 75 ospedali, cliniche e centri medici in 14 Paesi.
I pazienti eleggibili erano donne di età pari o superiore a 18 anni, con tumore mammario avanzato HER2-positivo, positivo al recettore ormonale ( HR-positivo ), con malattia non-resecabile, localmente avanzato, ricorrente o metastatico, ECOG performance status pari a 0 o 1 e che avevano precedentemente ricevuto almeno due terapie mirate a HER2 per la malattia avanzata.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale ad Abemaciclib, Trastuzumab e Fulvestrant ( gruppo A ), Abemaciclib e Trastuzumab ( gruppo B ), o chemioterapia standard e Trastuzumab ( gruppo C ).

Abemaciclib orale 150 mg ogni 12 ore è stato somministrato nei giorni 1–21 di un ciclo di 21 giorni, Trastuzumab per via endovenosa 8 mg/kg nel giorno 1 del ciclo 1, seguito da 6 mg/kg nel giorno 1 di ogni successivo ciclo di 21 giorni e Fulvestrant intramuscolare 500 mg nei giorni 1, 15 e 29 e successivamente una volta ogni 4 settimane.
È stata somministrata la chemioterapia standard di cura.

La randomizzazione è stata stratificata in base al numero di precedenti terapie sistemiche per tumore alla mammella avanzato e malattia misurabile rispetto a non-misurabile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione intention-to-treat ( ITT ), prima testando il gruppo A rispetto al gruppo C e, se questo risultato era significativo, il gruppo B rispetto al gruppo C.
La sicurezza è stata valutata in tutte le pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Tra il 2016 e il 2018 sono state arruolate e assegnate in modo casuale 237 pazienti ai gruppi A ( n=79 ), B ( n=79 ) e C ( n=79 ).
Il follow-up mediano è stato di 19.0 mesi.

Lo studio ha raggiunto il suo endpoint primario, mostrando una differenza significativa al test a due code alfa prespecificato di 0.2 nella sopravvivenza libera da progressione mediana tra il gruppo A ( 8.3 mesi ) e il gruppo C ( 5.7 mesi; HR 0.67; P=0.051 ).

Nessuna differenza è stata osservata tra la sopravvivenza libera da progressione mediana nel gruppo B ( 5.7 mesi ) e nel gruppo C ( HR 0.94; P=0.77 ).

L'evento avverso più comune di grado 3–4 emergente dal trattamento nei gruppi A, B e C è stata la neutropenia ( 21 pazienti su 78, 27%, 17 su 77, 22%, e 19 su 72, 26% ).

Gli eventi avversi gravi più comuni sono stati: nel gruppo A, piressia ( 3, 4% ), diarrea ( 2, 3% ), infezione del tratto urinario ( 2, 3% ) e danno renale acuto ( 2, 3% ); nel gruppo B, diarrea ( 2, 3% ) e polmonite ( 2, 3% ); e nel gruppo C, neutropenia ( 4, 6% ) e versamento pleurico ( 2, 3% ).

Sono stati attribuiti al trattamento due decessi: uno a causa di fibrosi polmonare nel gruppo B e uno a causa di neutropenia febbrile nel gruppo C.

La combinazione di Abemaciclib, Fulvestrant e Trastuzumab ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia standard di cura più Trastuzumab, mostrando un profilo di sicurezza tollerabile.

I risultati suggeriscono che un regime privo di chemioterapia potrebbe essere potenzialmente un'opzione di trattamento alternativa per le pazienti con carcinoma alla mammella avanzato HR-positivo, HER2-positivo. ( Xagena2020 )

Tolaney SM et al, Lancet Oncology 2020; 21: 763-775

Onco2020 Gyne2020 Farma2020


Indietro