Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
OncoHub

Alectinib versus Crizotinib nei pazienti asiatici non-trattati con cancro al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo: studio ALESIA


La malattia positiva alla chinasi del linfoma anaplastico ( ALK-positiva ) si verifica in circa il 5% di tutti i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule, con un'incidenza simile riportata nei pazienti asiatici.
Lo studio ALESIA è il primo studio randomizzato di fase 3 ad aver reclutato solo pazienti asiatici per confrontare Alectinib ( Alecensa ) con Crizotinib ( Xalkori ) come trattamento di prima linea per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule positivo per ALK con 600 mg di Alectinib due volte al giorno.
Lo studio ha valutato la coerenza del beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione con lo studio globale di fase 3 ALEX.

In questo studio di fase 3 randomizzato, in aperto, condotto in 21 Centri sperimentali in Cina, Corea del Sud e Tailandia, pazienti asiatici, di età pari o superiore a 18 anni, con tumore al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo sono stati assegnati in modo casuale ad Alectinib orale due volte al giorno ( 600 mg ) o Crizotinib ( 250 mg ), stratificando in base all’ECOG performance status e metastasi basali del sistema nervoso centrale ( SNC ).

I pazienti con metastasi asintomatiche del SNC erano autorizzati a partecipare.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione. La popolazione di analisi primaria per efficacia era la popolazione intention-to-treat ( ITT ), definita come tutti i pazienti assegnati in modo casuale. La popolazione di analisi primaria per sicurezza è stata definita come tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio.

Tra il 2016 e il 2017, 187 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al trattamento: 125 ad Alectinib e 62 a Crizotinib.
Il follow-up mediano è stato di 16.2 mesi nel gruppo Alectinib e 15.0 mesi nel gruppo Crizotinib.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è risultata significativamente prolungata con Alectinib rispetto a Crizotinib ( hazard ratio, HR 0.22, P minore di 0.0001; sopravvivenza libera da progressione mediana non-stimabile vs 11.1 mesi ).

Anche la sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga nel gruppo Alectinib rispetto al gruppo Crizotinib ( HR 0.37, P minore di 0.0001 ).

La percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta obiettiva ( ORR ) era 114 su 125 ( 91% ) con Alectinib e 48 su 62 ( 77% ) con Crizotinib, con una durata di risposta più lunga per Alectinib rispetto a Crizotinib ( HR 0.22, P minore di 0.0001 ).

Sono migliorati il ​​tempo alla progressione del sistema nervoso centrale ( HR specifico per la causa 0.14 ) e la percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta obiettiva del sistema nervoso centrale con lesioni del SNC misurabili o non-misurabili al basale ( 32 su 44 pazienti, 73%, trattati con Alectinib vs 5 su 23 pazienti, 22%, trattati con Crizotinib ).

Nonostante una durata del trattamento più lunga con Alectinib rispetto a Crizotinib ( rispettivamente 14.7 mesi vs 12.6 mesi ), un minor numero di pazienti ha avuto eventi avversi di grado 3-5 ( 36 su 125, 29%, vs 30 su 62, 48%, rispettivamente ) o eventi avversi gravi ( 19 su 125, 15%, vs 16 su 62, 26%, rispettivamente ).

I risultati si allineano con quelli dello studio ALEX, confermando il beneficio clinico di 600 mg di Alectinib due volte al giorno come trattamento di prima linea per il carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo. ( Xagena2019 )

Zhou C et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 437-446

Pneumo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro