Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoGinecologia

Atezolizumab associato a Bevacizumab e chemioterapia in prima linea migliora la sopravvivenza per il cancro al polmone non-a-piccole cellule


La combinazione di Atezolizumab ( Tecentriq ), Bevacizumab ( Avastin ), Carboplatino e Paclitaxel ( ABCP ) ha ridotto il rischio di morte del 22% rispetto a Bevacizumab e chemioterapia ( BCP ) in pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) non-squamoso wild type avanzato, secondo i dati di fase III dello studio IMpower 150.

La sopravvivenza globale mediana ( OS ) con l'aggiunta dell'inibitore PD-L1 Atezolizumab è stata di 19.2 mesi rispetto a 14.7 mesi nel braccio BCP ( hazard ratio, HR=0.78; P=0.0164 ).
Il tasso di sopravvivenza globale a 24 mesi con Atezolizumab è stato del 43% rispetto al 34% di BCP.
Il regime ABCP ha anche migliorato la sopravvivenza libera da progressione mediana ( PFS ) di 1.5 mesi rispetto a BCP ( 8.3 vs 6.8 mesi, HR=0.59; P minore di 0.0001 ).

Lo studio IMpower150 ha soddisfatto i suoi endpoint co-primari di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale, e ha dimostrato un beneficio statisticamente e clinicamente significativo con Atezolizumab più Bevacizumab e chemioterapia, rispetto a Bevacizumab e chemioterapia da sola per il tumore NSCLC non-squamoso in prima linea, in tutti i sottogruppi di PD-L1.
Si è avuto un raddoppio approssimativo della sopravvivenza mediana libera da progressione e una triplicazione del tasso senza progressione a 18 mesi.

Lo studio è stato progettato per escludere i dati dei pazienti con tumore NSCLC EGFR/ALK-mutato dagli endpoint co-primari di sopravvivenza globale e sopravvivenza senza progressione.
Circa il 13% dei partecipanti allo studio era EGFR o ALK-positivo.
Prima di entrare nello studio, questi pazienti avevano ricevuto almeno un precedente trattamento con inibitori della tirosin-chinasi di EGFR ( EGFR TKI ).

Quando i pazienti con alterazioni EGFR / ALK sono stati inclusi nella popolazione intent-to-treat, la sopravvivenza globale mediana con ABCP è passata a 19.8 mesi contro 14.9 mesi per BCP ( HR=0.76 ).
Una sopravvivenza migliore del previsto è stata osservata anche nei pazienti con metastasi epatiche.

L’efficacia aggiunta per entrambi i gruppi è risultata correlata con l'aggiunta dell'inibitore VEGF Bevacizumab ad Atezolizumab.

In una coorte separata dello studio che ha esaminato Atezolizumab più Carboplatino e Paclitaxel ( ACP ) si è osservato un miglioramento meno pronunciato rispetto al regime BCP.

Nel gruppo EGFR / ALK-positivo, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 56% con il regime ABCP rispetto al 40% con regime ACP e al 41% con regime BCP.

Vi è stata una riduzione del 46% del rischio di morte con il regime ABCP rispetto al regime BCP nei pazienti con metastasi epatiche ( HR=0.54 ) e una riduzione del 46% del rischio di morte nei pazienti con tumore NSCLC EGFR / ALK-mutato ( HR=0.54 ).
Il rischio di morte è stato ridotto del 15% ( HR=0.85 ) e del 18% ( HR=0.82 ) per i pazienti con metastasi epatiche e alterazioni EGFR / ALK, rispettivamente.

Questo suggerisce che l'interazione tra anti-VEGF e anti-PD-L1 sia importante in questo sottogruppo di pazienti.
Questi dati hanno dimostrato che la combinazione di Atezolizumab più Bevacizumab e chemioterapia fornisce un nuovo standard di cura.

Lo studio IMpower150 ha arruolato 1.202 pazienti con tumore NSCLC non-squamoso in stadio IV.
I pazienti sono stati randomizzati a ricevere ACP ( braccio A; n=402 ), ABCP ( braccio B; n=400 ) o BCP ( braccio C; n=400 ).
Circa il 10% dei pazienti era positivo alla mutazione EGFR e dal 2% al 5% dei pazienti aveva un riarrangiamento di ALK.
Le metastasi epatiche erano presenti al basale nel 13% dei pazienti.

Nel braccio sperimentale, Atezolizumab è stato somministrato a 1.200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane e Bevacizumab è stato somministrato a 15 mg/kg.
In ciascun braccio, Carboplatino e Paclitaxel sono stati somministrati il ​​giorno 1 di ciascun ciclo per 4-6 cicli.
Nel braccio A, la terapia di mantenimento è stata somministrata con Atezolizumab da solo.
Nel braccio B i pazienti hanno ricevuto terapia di mantenimento con la combinazione di Bevacizumab e Atezolizumab.
Nel braccio C, il mantenimento è stato somministrato con Bevacizumab da solo.

  Nella popolazione intent-to-treat wild-type, il tasso di sopravvivenza senza progressione a 18 mesi è stato del 27% con il regime ABCP e dell'8% con il regime BCP.
Il tasso di sopravvivenza globale a 18 mesi è stato del 53% con il regime ABCP rispetto al 41% con il regime BCP.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) con il regime ABCP è stato del 63.5% contro il 48% per BCP, con tassi di risposta completi rispettivamente del 3.7% e dell'1.2%.

Nei pazienti con metastasi epatiche nell'analisi wild-type, la sopravvivenza globale mediana con ABCP è stata di 13.2 mesi rispetto a 9.1 mesi con BCP ( HR=0.54 ).
I pazienti senza metastasi epatiche avevano una sopravvivenza globale mediana di 19.8 rispetto a 16.7 mesi per ABCP e BCP, rispettivamente ( HR=0.83 ).
La sopravvivenza globale mediana nei pazienti con solo mutazioni EGFR / ALK non è stata valutabile con il regime ABCP rispetto a 17.5 mesi per il regime BCP ( HR=0.54 ).

Efficacia favorevole è stata osservata con la combinazione ABCP rispetto a BCP nei livelli di espressione di PD-L1.
Nei soggetti con alta espressione di PD-L1 ( cellule tumorali TC 3 o cellule immunitarie IC 3; n=136 ), la sopravvivenza globale mediana è stata di 25.2 mesi con il regime ABCP rispetto a 15.0 mesi con il regime BCP ( HR=0.70 ).
Il tasso di risposta obiettiva in questo gruppo è stato del 69% con il regime ABCP rispetto al 62% con il regime ACP e al 49% con il regime BCP.
La durata della risposta con il regime ABCP in questo gruppo è stata di 22.1 mesi rispetto a 12.2 mesi con il regime ACP e 7.0 mesi con il regime BCP.

Nel gruppo a PD-L1-basso ( TC 1/2 o IC 1/2; n=226 ), la sopravvivenza globale mediana è stata di 20.3 rispetto a 16.4 mesi per ABCP e BCP, rispettivamente ( HR=0.80 ).
Nel gruppo PD-L1-negativo ( TC 0/IC 0; n=339 ), la sopravvivenza globale mediana è stata di 17.1 rispetto a 14.1 mesi per ABCP e BCP, rispettivamente ( HR=0.82 ).

Il beneficio di sopravvivenza è stato osservato in tutte le popolazioni di pazienti PD-L1 nella popolazione intent-to-treat wild type. Il più alto tasso di risposta è stato vicino al 70% e la più lunga durata della risposta è stata di circa 2 anni.

Eventi avversi di grado 3 o 4 correlati al trattamento si sono verificati nel 43% dei pazienti nel gruppo ACP e nel 57% e 49% di quelli, rispettivamente, nei bracci ABCP e BCP.
Eventi avversi gravi si sono verificati nel 39%, 44% e 34% dei pazienti nei gruppi ACP, ABCP e BCP.
Gli eventi avversi più comuni di grado 3-4 sono stati rash ( 3% con ACP, 2% con ABCP e 1% con BCP ) ed epatite ( 3% con ACP, 5% con ABCP e 1% con BCP ).

Se si osservano i due bracci che contenevano Atezolizumab, si vede che non c'è alcuna differenza sostanziale negli eventi avversi correlati al sistema immunitario. Ciò indica che l'aggiunta di una terapia anti-PD-L1 alla terapia anti-VEGF non aumenta il rischio di eventi immuno-correlati. ( Xagena2018 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology - ASCO Meeting, 2018

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro