Novartis
BMS
Lung Unit
OncoGinecologia

Atezolizumab con o senza Bevacizumab nel carcinoma epatocellulare non-resecabile


Il doppio blocco di PD-L1 e di VEGF ha migliorato l'immunità antitumorale attraverso molteplici meccanismi e ha aumentato l'attività antitumorale in più tumori maligni.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Atezolizumab ( Tecentriq ), un anti-PD-L1, da solo e combinato con Bevacizumab ( Avastin ), anti-VEGF, nei pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile.

GO30140 è uno studio di fase 1b in aperto, multicentrico, che ha arruolato pazienti in 26 centri di oncologia in 7 Paesi in tutto il mondo.
Lo studio ha incluso 5 coorti; sono state descritte le due coorti di carcinoma epatocellulare, gruppi A e F.

I criteri di inclusione per questi due gruppi includevano almeno 18 anni di età; carcinoma epatocellulare non-resecabile istologicamente, citologicamente o clinicamente confermato secondo i criteri AASLD ( American Association for the Study of Liver Diseases ) non-suscettibile al trattamento curativo; nessun precedente trattamento sistemico; ECOG performance status pari a 0 o 1.

Nel gruppo A, tutti i pazienti hanno ricevuto Atezolizumab 1.200 mg e Bevacizumab 15 mg/kg per via endovenosa ogni 3 settimane.
Nel gruppo F, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Atezolizumab 1.200 mg per via endovenosa più Bevacizumab 15 mg/kg per via endovenosa ogni 3 settimane o Atezolizumab da solo stratificando per regione geografica; invasione macrovascolare, diffusione extraepatica o entrambi; e concentrazione basale di alfa-fetoproteina ( AFP ).

Gli endpoint primari erano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermata in tutti i pazienti che hanno ricevuto il trattamento di combinazione per il gruppo A e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nella popolazione intention-to-treat ( ITT ) nel gruppo F, entrambi valutati in base ai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1.

In entrambi i gruppi, la sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di qualsiasi trattamento in studio.

Nel gruppo A, 104 pazienti sono stati arruolati tra il 2016 e il 2018 e hanno ricevuto Atezolizumab più Bevacizumab.
Con un follow-up mediano di 12.4 mesi, 37 pazienti su 104 ( 36% ) hanno avuto una risposta obiettiva confermata.
Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento di grado 3-4 sono stati ipertensione ( 13, 13% ) e proteinuria ( 7, 7% ).
Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 25 pazienti ( 24% ) e decessi correlati al trattamento in 3 pazienti ( 3% ) ( funzione epatica anormale, cirrosi epatica e polmonite ).

Nel gruppo F, 119 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale ( 60 a Atezolizumab più Bevacizumab; 59 a Atezolizumab in monoterapia ) tra il 2018 e il 2019.
Con un follow-up mediano di 6.6 mesi per il gruppo Atezolizumab più Bevacizumab e 6.7 mesi per il gruppo Atezolizumab in monoterapia, la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 5.6 mesi rispetto a 3.4 mesi ( hazard ratio, HR 0.55; P=0.011 ).
Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento di grado 3-4 nel gruppo F sono stati ipertensione ( in 3 pazienti, 5%, nel gruppo Atezolizumab più Bevacizumab; nessuno nel gruppo con Atezolizumab in monoterapia ) e proteinuria ( in 2 pazienti, 3%, nel gruppo Atezolizumab più Bevacizumab; nessuno nel gruppo con Atezolizumab in monoterapia ).
Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 7 pazienti ( 12% ) nel gruppo Atezolizumab più Bevacizumab e 2 ( 3% ) nel gruppo con Atezolizumab in monoterapia.
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Lo studio ha mostrato una sopravvivenza libera da progressione più lunga con una combinazione di Atezolizumab più Bevacizumab rispetto a Atezolizumab da solo in pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile non-trattato in precedenza con terapia sistemica.
Pertanto, Atezolizumab più Bevacizumab potrebbe diventare una opzione di trattamento promettente per questi pazienti.
Questa combinazione è in fase di confronto con Sorafenib standard di cura in uno studio di fase 3. ( Xagena2020 )

Lee MS et al, Lancet Oncology 2020; 21: 808-820

Onco2020 Gastro2020 Farma2020


Indietro