Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub
Janssen Oncology

Atezolizumab più Bevacizumab rispetto a Sorafenib nei pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile: studio IMbrave150


È importante comprendere l'esperienza dei pazienti riguardo al trattamento del cancro. Sono stati valutati gli esiti riportati dai pazienti ( PRO ) con Atezolizumab ( Tecentriq ) più Bevacizumab ( Avastin ) rispetto a Sorafenib ( Nexavar ) nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato nello studio IMbrave150, che ha già mostrato significativi benefici in termini di sopravvivenza globale e sopravvivenza libera da progressione con questa terapia di combinazione.

È stato condotto uno studio di fase 3 in aperto, randomizzato, in 111 ospedali e centri oncologici in 17 Paesi o regioni.
Sono stati inclusi pazienti di età pari o superiore a 18 anni con carcinoma epatocellulare non-resecabile sistemico, naive-al-trattamento, istologicamente, citologicamente o clinicamente confermato e un ECOG performance status di 0 o 1, con malattia che non era suscettibile di intervento chirurgico curativo o terapie locoregionali, o malattia progressiva dopo terapie chirurgiche o locoregionali.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale ( stratificando per regione geografica; invasione macrovascolare, diffusione extraepatica o entrambi; concentrazione basale di alfa-fetoproteina; ed ECOG performance status ), a ricevere 1.200 mg di Atezolizumab più 15 mg/kg di Bevacizumab per via endovenosa una volta ogni 3 settimane o 400 mg di Sorafenib per via orale due volte al giorno, fino alla perdita del beneficio clinico o a tossicità inaccettabile.

Gli endpoint coprimari precedentemente riportati erano la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione valutata in modo indipendente secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi 1.1.

Analisi secondarie ed esplorative prespecificate hanno valutato in modo descrittivo gli effetti del trattamento sulla qualità di vita riferita dal paziente, sul funzionamento, e i sintomi della malattia secondo il questionario sulla qualità di vita EORTC ( European Organisation for Research and Treatment of Cancer ) per il tumore ( QLQ-C30 ) e il questionario sulla qualità di vita per il carcinoma epatocellulare ( QLQ-HCC18 ).

Il tempo al deterioramento confermato dagli esiti riportati dai pazienti è stato analizzato nella popolazione intent-to-treat ( ITT ); tutte le altre analisi sono state eseguite nella popolazione valutabile per gli esiti riportati dai pazienti ( pazienti che avevano una valutazione dei PRO di base e almeno una valutazione successiva ).

Tra il 2018 e il 2019, 725 pazienti sono stati sottoposti a screening e 501 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale ad Atezolizumab più Bevacizumab ( n=336 ) o a Sorafenib ( n=165 ).
309 pazienti nel gruppo Atezolizumab più Bevacizumab e 145 pazienti nel gruppo Sorafenib sono stati inclusi nella popolazione valutabile per gli esiti riportati dai pazienti.

Al cutoff dei dati nel 2019 il follow-up mediano era di 8.6 mesi. I tassi di completamento dell'EORTC QLQ-C30 sono stati pari o superiori al 90% per 23 cicli di trattamento su 24 in entrambi i gruppi ( intervallo 88-100% nel gruppo Atezolizumab più Bevacizumab e 80-100% nel gruppo Sorafenib ).

I tassi di completamento dell'EORTC QLQ-HCC18 sono stati pari o superiori al 90% per 20 cicli su 24 nel gruppo Atezolizumab più Bevacizumab ( intervallo 88-100% ) e 21 cicli su 24 nel gruppo Sorafenib ( intervallo 89-100% ).

Rispetto a Sorafenib, Atezolizumab più Bevacizumab ha ridotto il rischio di deterioramento su tutte le scale EORTC QLQ-C30 dei sintomi generici del tumore che erano state prespecificate per l'analisi ( perdita di appetito, hazard ratio, HR=0.57; diarrea HR=0.23; affaticamento HR=0.61; dolore HR=0.46 ) e due su tre scale EORTC QLQ-HCC18 dei sintomi specifici della malattia che erano state prespecificate per l'analisi ( affaticamento HR=0.60, dolore HR=0.65, ma non ittero HR=0.76 ).

Al giorno 1 del quinto ciclo di trattamento ( dopo il quale il tasso di abbandono nel gruppo Sorafenib era superiore al 50% ), le variazioni medie del punteggio EORTC QLQ-C30 rispetto al basale nei gruppi Atezolizumab più Bevacizumab rispetto a Sorafenib sono state: -3.29 rispetto a -5.83 per la qualità di vita, -4.02 rispetto a -9.76 per il funzionamento di ruolo e -3.77 rispetto a 7.60 per il funzionamento fisico.

Analisi prespecificate dei dati sugli esiti riportati dai pazienti hanno mostrato benefici clinicamente significativi in termini di qualità di vita riferita dal paziente, funzionamento e sintomi della malattia con Atezolizumab più Bevacizumab rispetto a Sorafenib, rafforzando il profilo rischio-beneficio della terapia di combinazione rispetto a quello di Sorafenib nei pazienti con carcinoma epatocellulare non-resecabile. ( Xagena2021 )

Galle PR et al, Lancet Oncology 2021; 22: 991-1001

Gastro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro