Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumore Mammella

Atezolizumab più Bevacizumab versus Sunitinib nei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico precedentemente non-trattato: studio IMmotion151


Uno studio di fase 2 ha mostrato una migliore sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per Atezolizumab ( Tecentriq ) più Bevacizumab ( Avastin ) rispetto a Sunitinib ( Sutent ) in pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico che esprimono PD-L1.

Sono stati riportati i risultati di IMmotion151, uno studio di fase 3 che ha confrontato la combinazione Atezolizumab e Bevacizumab con Sunitinib nel carcinoma a cellule renali metastatico di prima linea.

In questo studio multicentrico, in aperto, di fase 3, randomizzato e controllato, i pazienti con istologia a cellule chiare o sarcomatoide e che non erano stati precedentemente trattati sono stati reclutati da 152 centri medici accademici e cliniche oncologiche in 21 Paesi, principalmente in Europa, Nord America e regione Asia-Pacifico e sono stati assegnati in modo casuale ad Atezolizumab 1.200 mg più Bevacizumab 15 mg/kg per via endovenosa una volta ogni 3 settimane oppure a Sunitinib 50 mg per via orale una volta al giorno per 4 settimane, con 2 settimane off.

Gli endpoint co-primari erano la sopravvivenza libera da progressione valutata nella popolazione positiva a PD-L1 e la sopravvivenza globale ( OS ) nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).

Dei 915 pazienti arruolati tra il 2015 e il 2016, 454 sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Atezolizumab più Bevacizumab e 461 al gruppo Sunitinib.
362 su 915 pazienti ( 40% ) presentavano una malattia positiva a PD-L1.
Il follow-up mediano è stato di 15 mesi all'analisi primaria di sopravvivenza libera da progressione e 24 mesi all'analisi provvisoria di sopravvivenza globale.

Nella popolazione positiva a PD-L1, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 11.2 mesi nel gruppo Atezolizumab più Bevacizumab rispetto a 7.7 mesi nel gruppo Sunitinib ( hazard ratio, HR 0.74; P=0.0217 ).
Nella popolazione ITT, la sopravvivenza globale mediana ha avuto un HR di 0.93 e i risultati non hanno superato il limite di significatività dell'analisi intermedia.

182 pazienti su 451 ( 40% ) nel gruppo Atezolizumab più Bevacizumab e 240 su 446 pazienti ( 54% ) nel gruppo Sunitinib hanno manifestato eventi avversi di grado 3-4 correlati al trattamento.
24 ( 5% ) nel gruppo Atezolizumab più Bevacizumab e 37 ( 8% ) nel gruppo Sunitinib hanno presentato eventi avversi di qualsiasi grado correlati al trattamento, che hanno portato all'interruzione del regime di trattamento.

Atezolizumab più Bevacizumab ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Sunitinib nei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico e ha mostrato un profilo di sicurezza favorevole.
È necessario un follow-up a più lungo termine per stabilire se emergerà un beneficio in termini di sopravvivenza.
Questi risultati supportano Atezolizumab più Bevacizumab come opzione di trattamento di prima linea per pazienti selezionati con carcinoma a cellule renali in fase avanzata. ( Xagena2019 )

Rini BI et al, Lancet 2019; 393: 2404-2415

Onco2019 Nefro2019 Uro2019 Farma2019


Indietro