Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore rene

Avelumab nel carcinoma uroteliale metastatico dopo fallimento della terapia con Platino: studio JAVELIN Solid Tumor


L'approvazione di farmaci anti-PD-L1 e anti-PD-1 ha ampliato le opzioni di trattamento per i pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico.
Avelumab ( Bavencio ), un anticorpo monoclonale umano anti-PD-L1, ha mostrato promettenti attività antitumorali e sicurezza in questa malattia.

È stato valutato il profilo di sicurezza nei pazienti sia dopo la terapia con Platino che naive al Cisplatino trattati con Avelumab ed è stata valutata l'attività antitumorale di questo farmaco nei pazienti post-Platino.

In una analisi aggregata di due coorti dallo studio di fase 1 di espansione della dose JAVELIN Solid Tumor, i pazienti di età a partire da 18 anni con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico istologicamente o citologicamente confermato che era progredito dopo almeno una precedente chemioterapia a base di Platino sono stati arruolati da 80 Centri oncologici o ospedali negli Stati Uniti, Europa e Asia.

I pazienti eleggibili avevano una adeguata funzione d’organo terminale, un ECOG performance status pari a 0 o 1, una aspettativa di vita di almeno 3 mesi e almeno una lesione misurabile.
Anche i pazienti non-eleggibili al Cisplatino che potevano essere stati precedentemente trattati in ambito perioperatorio, compresi i pazienti trattati con Platino, erano eleggibili.

I pazienti non-selezionati per l'espressione di PD-L1 hanno ricevuto Avelumab ( 10 mg/kg, infusione endovenosa di 1 ora ) ogni 2 settimane fino a conferma della progressione della malattia, tossicità inaccettabile o altro criterio di sospensione.

L'endpoint primario di questa coorte di espansione di efficacia era rappresentato da una confermata migliore risposta globale secondo i criteri RECIST versione 1.1.

L'analisi di sicurezza è stata effettuata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Avelumab.
L'attività antitumorale è stata valutata nei pazienti post-Platino che avevano ricevuto almeno una dose di Avelumab.

Tra il 2014 e il 2016, 329 pazienti con carcinoma uroteliale avanzato metastatico sono stati sottoposti a screening per l'arruolamento in questo studio; 249 pazienti erano eleggibili e hanno ricevuto il trattamento con Avelumab per una mediana di 12 settimane e sono stati seguiti per una mediana di 9.9 mesi.

La sicurezza e l'attività antitumorale sono state valutate nel 2016.

In 161 pazienti post-Platino con almeno 6 mesi di follow-up, una migliore risposta complessiva di risposta completa o parziale è stata registrata in 27 pazienti ( 17% ), comprese 9 risposte complete ( 6% ) e 18 risposte parziali ( 11% ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento più frequenti ( qualsiasi grado nel 10% o più dei pazienti ) erano reazioni correlate all'infusione ( 73, 29%; tutti di grado 1-2 ) e affaticamento ( 40, 16% ).
Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o maggiore si sono verificati in 21 su 249 pazienti ( 8% ), il più comune dei quali è stato affaticamento ( 4, 2% ) e astenia, aumento della lipasi, ipofosfatemia e polmonite in 2 pazienti ciascuno ( 1% ).
19 su 249 pazienti ( 8% ) hanno presentato un evento avverso grave correlato al trattamento con Avelumab, e si è verificata una morte correlata al trattamento ( polmonite ).

Avelumab ha mostrato attività antitumorale nel trattamento dei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico refrattario al Platino; un profilo di sicurezza gestibile è stato riportato in tutti i pazienti trattati con Avelumab.
Questi dati hanno fornito un razionale per l'uso terapeutico di Avelumab nel carcinoma uroteliale metastatico, che ha ricevuto l'approvazione accelerata da parte della Agenzia regolatoria degli Stati Uniti FDA ( Food and Drug Admnistration ) in questo setting. ( Xagena2018 )

Patel MR et al, Lancet Oncol 2018; 19: 51-64

Onco2018 Uro2018 Farma2018


Indietro