Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
ForumOncologico

Axitinib più Pembrolizumab nei pazienti con sarcoma avanzato incluso sarcoma alveolare delle parti molli


Il fattore VEGF promuove un microambiente immunosoppressivo e contribuisce alla resistenza degli inibitori del checkpoint immunitario nel tumore.
È stata valutata l'attività dell'inibitore tirosin-chinasico del recettore VEGF Axitinib ( Inlyta ) più l'inibitore del checkpoint immunitario anti-PD-1 Pembrolizumab ( Keytruda ) nei pazienti con sarcoma.

Uno studio di fase 2 a braccio singolo è stato condotto presso un Centro medico accademico a Miami, Florida, e i partecipanti sono stati reclutati da tutti gli Stati Uniti e a livello internazionale.
I pazienti erano eleggibili se avevano 16 anni o più e presentavano sarcomi avanzati o metastatici istologicamente confermati, incluso il sarcoma alveolare delle parti molli ( ASPS ); malattia misurabile con un sito suscettibile di ripetute biopsie; ECOG performance status di 0-1; e malattia progressiva dopo un precedente trattamento con almeno una linea di terapia sistemica ( a meno che non esistesse un trattamento standard o che il paziente non rifiutasse la terapia ).

I primi 5 pazienti sono stati arruolati in una coorte lead-in e hanno ricevuto Axitinib 5 mg per via orale due volte al giorno e Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa per 30 minuti il ​​giorno 8 e ogni 3 settimane per cicli di 6 settimane per un massimo di 2 anni.
Successivamente, i pazienti hanno ricevuto dosi crescenti di Axitinib ( 2-10 mg ) più Pembrolizumab a dose fissa secondo la schedula.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 3 mesi.
Tutti i pazienti erano valutabili per le analisi di sopravvivenza e sicurezza.

Tra il 2016 e il 2018, 36 pazienti sono stati valutati per l'ammissibilità, 33 ( 92% ) sono stati arruolati e hanno ricevuto un trattamento di studio ( popolazione intention-to-treat e popolazione di sicurezza ), 12 ( 36% ) dei quali soffrivano di sarcoma alveolare delle parti molli.

Con un follow-up mediano di 14.7 mesi, la sopravvivenza libera da progressione a 3 mesi per tutti i pazienti valutabili è stata del 65.6%.

Per i pazienti con sarcoma alveolare delle parti molli, la sopravvivenza libera da progressione a 3 mesi è stata del 72.7%.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 più comuni correlati al trattamento includevano ipertensione ( 5 su 33 pazienti, 15% ), tossicità autoimmune ( 5, 15% ), nausea o vomito ( 2, 6% ) e convulsioni ( 2, 6% ).
Gravi eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati in 7 pazienti ( 21% ), tra cui colite autoimmune, transaminite, pneumotorace, emottisi, convulsioni e ipertrigliceridemia.

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Axitinib più Pembrolizumab ha tossicità gestibile e attività preliminare in pazienti con sarcomi avanzati, in particolare pazienti con sarcoma alveolare delle parti molli, giustificando ulteriori indagini in studi randomizzati controllati. ( Xagena2019 )

Wilky BA et al, Lancet Oncology 2019; 20: 837-848

Onco2019 Farma2019


Indietro