Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGinecologia
Tumori GenitoUrinari

Beneficio clinico duraturo con Nivolumab più Ipilimumab nel cancro colorettale metastatico con deficit di riparazione dei mismatch del DNA / alta instabilità dei microsatelliti


Nivolumab ( Opdivo ) fornisce beneficio clinico ( tasso di risposta obiettiva, ORR=31%; tasso di controllo della malattia, 69%; sopravvivenza globale [ OS ] a 12 mesi, 73% ) nei pazienti precedentemente trattati con tumore del colon-retto metastatico ( mCRC ) con deficit di riparazione dei mismatch ( allineamenti errati ) del DNA ( dMMR ) / alta instabilità dei microsatelliti ( MSI-H ); Nivolumab più Ipilimumab( Yervoy ) può migliorare questi esiti.

Sono stati riportati gli esiti di efficacia e sicurezza per la coorte di Nivolumab più Ipilimumab di CheckMate-142, il più grande report su un singolo studio di una combinazione immunoterapica nel tumore colon-rettale metastatico dMMR / MSI-H.

I pazienti hanno ricevuto Nivolumab 3 mg/kg più Ipilimumab 1 mg/kg una volta ogni 3 settimane ( 4 dosi ), seguito da Nivolumab 3 mg/kg una volta ogni 2 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva.

Su 119 pazienti, il 76% aveva ricevuto due o più precedenti terapie sistemiche.
Al follow-up mediano di 13.4 mesi, ORR è stato del 55% e il tasso di controllo della malattia per 12 settimane è stato dell'80%.

La durata mediana della risposta non è stata raggiunta; la maggior parte delle risposte ( 94% ) erano in corso al cutoff dei dati.

I tassi di sopravvivenza libera da progressione sono stati del 76% ( 9 mesi ) e del 71% ( 12 mesi ); i rispettivi tassi di sopravvivenza globale sono stati dell'87% e dell'85%.

Miglioramenti statisticamente significativi e clinicamente significativi sono stati osservati negli esiti riferiti dal paziente, tra cui funzionamento, sintomi e qualità della vita.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-4 si sono verificati nel 32% dei pazienti e sono stati gestibili.

I pazienti ( 13% ) che hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi correlati al farmaco in studio avevano un ORR ( 63% ) in linea con quello della popolazione generale.

In conclusione, Nivolumab più Ipilimumab ha dimostrato alti tassi di risposta, migliore sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale a 12 mesi, sicurezza gestibile e miglioramenti significativi nei risultati chiave riferiti dal paziente.
I confronti indiretti hanno indicato che la terapia combinata fornisce una migliore efficacia rispetto alla monoterapia anti-PD-1 e presenta un profilo rischio-beneficio favorevole.
Nivolumab più Ipilimumab offre una nuova opzione di trattamento promettente per i pazienti con carcinoma del colon-retto dMMR / MSI-H metastatico. ( Xagena2018 )

Overman MJ et al, J Clin Oncol 2018; 36: 773-779

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro