Roche Oncologia
Novartis
OncoHub
Tumore prostata

Bevacizumab per il mesotelioma pleurico di nuova diagnosi


Il mesotelioma pleurico maligno è un tumore aggressivo con prognosi infausta, correlato all'esposizione all'amianto in ambiente lavorativo.
Il fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( VEGF ) è un mitogeno chiave per le cellule di mesotelioma pleurico maligno; pertanto, potrebbe rivelarsi efficace agire sul fattore di crescita dell’endotelio vascolare.
Uno studio ha valutato l'effetto sulla sopravvivenza di Bevacizumab ( Avastin ) aggiunto allo standard di cura attuale, Cisplatino più Pemetrexed, come trattamento di prima linea del mesotelioma pleurico maligno avanzato.

Nello studio randomizzato, controllato, in aperto, di fase 3, MAPS ( Mesothelioma Avastin Cisplatin Pemetrexed ), sono stati reclutati pazienti di età compresa tra 18 e 75 anni, con mesotelioma pleurico maligno non-resecabile, che non avevano ricevuto precedente chemioterapia, con un performance status ECOG ( Eastern Cooperative Oncology Group ) di 0-2, senza sostanziali comorbilità cardiovascolare, non-disponibili alla chirurgia curativa, con almeno una lesione valutabile ( versamento pleurico ) o misurabile ( ispessimento solido del tumore pleurico ) alla tomografia computerizzata, e una speranza di vita superiore a 12 settimane da 73 ospedali in Francia.

I criteri di esclusione sono stati presenza di metastasi del sistema nervoso centrale, uso di trattamenti antiaggreganti ( Acido Acetilsalicilico [ Aspirina ] superiore o uguale a 325 mg al giorno, Clopidogrel [ Plavix ], Ticlopidina [ Tiklid ] o Dipiridamolo [ Persantin ] ), farmaci anti-vitamina K a una dose terapeutica, trattamento con Eparina a basso peso molecolare a una dose curativa, e trattamento con farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per istologia ( epitelioide vs sarcomatoide o sottotipi istologici misti ), punteggio di performance status ( 0-1 vs 2 ), Centro di studio, o abitudine al fumo ( non-fumatori vs fumatori ) a ricevere per via endovenosa 500 mg/m2 di Pemetrexed [ Alimta ] più 75 mg/m2 di Cisplatino con o senza 15 mg/kg di Bevacizumab in cicli di 21 giorni per un massimo di 6 cicli, fino a progressione o a comparsa di effetti tossici.

L'esito primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to treat.

Il trattamento è stato in aperto.

Dal 2008 al 2014, sono stati assegnati in modo casuale 448 pazienti al trattamento ( 223 a Pemetrexed + Cisplatino + Bevacizumab, 50%, e 225 a Pemetrexed + Cisplatino, 50%).

La sopravvivenza globale è risultata significativamente più lunga con Pemetrexed + Cisplatino + Bevacizumab ( mediana 18.8 mesi ) che con Pemetrexed + Cisplatino ( 16.1 mesi; hazard ratio, HR=0.77, P=0.0167 ).

Nel complesso, 158 dei 222 pazienti ( 71% ) trattati con Pemetrexed + Cisplatino + Bevacizumab e 139 dei 224 pazienti ( 62% ) trattati con Pemetrexed + Cisplatino hanno manifestato eventi avversi di grado 3-4.
Sono stati notati più eventi di grado 3 o superiore di ipertensione ( 51 di 222, 23%, vs 0 ) e trombotici ( 13 di 222, 6%, vs 2 di 224, 1% ) con Pemetrexed + Cisplatino + Bevacizumab che con Pemetrexed + Cisplatino.

L'aggiunta di Bevacizumab a Pemetrexed più Cisplatino ha significativamente migliorato la sopravvivenza globale nel mesotelioma pleurico al costo di effetti tossici attesi e gestibili.
Pertanto questo regime terapeutico dovrebbe essere considerato un trattamento adatto alla malattia. ( Xagena2016 )

Zalcman G et al, Lancet 2016; 387: 1405-1414

Onco2016 Pneumo2016 Farma2016


Indietro