Janssen Oncology
Oncologia Morabito
OncoHub
Novartis

Bevacizumab più Temozolomide in pazienti con tumori neuroendocrini avanzati


Sia gli inibitori tirosin-chinasici che hanno come bersaglio il recettore di VEGF ( fattore di crescita dello endotelio vascolare ) sia Bevacizumab ( Avastin ), un anticorpo monoclonale diretto contro VEGF, mostrano attività antitumorale nei tumori neuroendocrini.

Anche Temozolomide ( Temodal ), un analogo orale della Dacarbazina, è attivo contro questi tumori quando somministrato da solo o in combinazione con altri farmaci.

Uno studio di fase II ha valutato l’efficacia di Temozolomide in combinazione con Bevacizumab nei pazienti con tumori neuroendocrini localmente avanzati o metastatici.

Nello studio, 34 pazienti ( 56% con carcinoide, 44% con tumori neuroendocrini pancreatici ) sono stati trattati con Temozolomide 150 mg/m2 per via orale ogni giorno nei giorni da 1 a 7 e da 15 a 21, insieme a Bevacizumab alla dose di 5 mg/kg al giorno per via intravenosa nei giorni 1 e 15 di ciascun ciclo di 28 giorni.

Tutti i pazienti hanno ricevuto profilassi contro Pneumocystis carinii e varicella zoster.

I pazienti sono stati seguiti per valutare tossicità, risposta biochimica e radiologica e sopravvivenza.

La combinazione di Temozolomide e Bevacizumab è risultata associata alla anticipazione delle tossicità di grado da 3 a 4, incluse linfopenia ( 53% ) e trombocitopenia ( 18% ).

Benché il tasso generale di risposta radiografica fosse 15% ( 5 su 34 ), i tassi di risposta sono risultati differenti tra i pazienti con tumori neuroendocrini pancreatici ( 33%; 5 su 15 ) e quelli con tumori carcinoidi ( 0 su 19 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 11.0 mesi ( 14.3 mesi per tumori neuroendocrini pancreatici vs 7.3 mesi per tumori carcinoidi ).

La sopravvivenza generale mediana è stata di 33.3 mesi ( 41.7 mesi per tumori neuroendocrini pancreatici vs 18.8 mesi per tumori carcinoidi ).

In conclusione, Temozolomide e Bevacizumab possono essere somministrati insieme in modo sicuro nei pazienti con tumori neuroendocrini avanzati, e il regime di combinazione sembra promettente per i pazienti con tumori neuroendocrini pancreatici. ( Xagena2012 )

Chan JA et al, J Clin Oncol 2012; 30: 2963-2968


Onco2012 Endo2012 Farma2012


Indietro