Novartis
OncoHub
Roche Oncologia
Tumore prostata

Brigatinib versus Crizotinib nel tumore al polmone non-a-piccole cellule avanzato ALK-positivo, ALK inibitore-naive: analisi dello studio ALTA-1L


Brigatinib ( Alunbrig ), un inibitore di ALK, ha dimostrato una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) superiore e una migliore qualità di vita correlata alla salute ( HRQoL ) rispetto a Crizotinib ( Xalkori ) nel carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato, ALK inibitore-naive, ALK-positivo, alla prima analisi ad interim ( 99 eventi; follow-up mediano di Brigatinib, 11.0 mesi ) nello studio in aperto di fase III ALTA-1L.

Sono stati riportati i risultati della seconda analisi ad interim prespecificata ( 150 eventi ).

I pazienti con tumore NSCLC avanzato, positivo per ALK, naive agli inibitori di ALK, sono stati assegnati in modo casuale a Brigatinib 180 mg una volta al giorno ( lead-in di 7 giorni a 90 mg una volta al giorno ) oppure Crizotinib 250 mg due volte al giorno.

L'endpoint primario era la sopravvivenza PFS valutata dal Comitato di revisione indipendente in cieco ( BIRC ).
Sono stati raccolti anche l'efficacia valutata dallo sperimentatore, campioni di sangue per le valutazioni farmacocinetiche e gli esiti riportati dai pazienti.

Sono stati assegnati in modo casuale 275 pazienti ( Brigatinib, n=137; Crizotinib, n=138 ). Con un follow-up mediano di 24.9 mesi per Brigatinib ( 150 eventi di sopravvivenza PFS ), Brigatinib ha mostrato una superiorità costante nella sopravvivenza PFS valutata dal BIRC rispetto a Crizotinib ( hazard ratio HR, 0.49; log-rank P minore di 0.0001; mediana, 24.0 vs 11.0 mesi ).

L'hazard ratio per la sopravvivenza libera da progressione valutato dallo sperimentatore è stato pari a 0.43.

Non sono emersi nuovi problemi di sicurezza. Brigatinib ha ritardato il tempo mediano al peggioramento di punteggi di stato di salute globale / QoL rispetto a Crizotinib ( HR, 0.70; log-rank P=0.049 ).

L'area sotto la curva di concentrazione plasmatica - tempo di Brigatinib giornaliera non è stata un predittore di sopravvivenza libera da progressione ( HR, 1.005; P=0.69 ).

Brigatinib ha rappresentato un inibitore di ALK da somministrare una volta al giorno con efficacia, tollerabilità e qualità di vita superiori rispetto a Crizotinib, rendendolo un promettente trattamento di prima linea per carcinoma a polmone non-piccole cellule ALK-positivo. ( Xagena2020 )

Camidge DR et al, J Clin Oncol 2020; 38: 3592-3603

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro