Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoGinecologia

Camrelizumab da solo o in combinazione con Gemcitabina più Cisplatino per carcinoma rinofaringeo


I regimi di chemioterapia a base di doppietto di Platino, preferibilmente Gemcitabina più Cisplatino, sono generalmente considerati lo standard di prima linea per i pazienti con carcinoma nasofaringeo ricorrente o metastatico.

Tuttavia, non è stato raggiunto alcun consenso sul trattamento dopo la progressione dopo la terapia di prima linea .

Camrelizumab ( SHR-1210 ) è un anticorpo umanizzato che ha come bersaglio la proteina PD-1.

E' stata presentata la sicurezza e l'attività antitumorale preliminare di Camrelizumab da solo come terapia di seconda linea nei pazienti con carcinoma nasofaringeo ricorrente o metastatico e in combinazione con Gemcitabina e Cisplatino come terapia di prima linea in questa popolazione di pazienti.

Sono riportati i risultati di due studi di fase 1 a braccio singolo. Entrambi gli studi comprendevano pazienti di età compresa tra 18 e 70 anni con carcinoma nasofaringeo istologicamente o citologicamente confermato e malattia metastatica confermata o recidiva locoreginale, e un ECOG performance status pari a 0 o 1.

I pazienti che hanno ricevuto almeno una precedente linea di trattamento sono stati arruolati da cinque ospedali universitari in Cina nello studio di dose-escalation ( intensificazione del dosaggio ) ed espansione per ricevere Camrelizumab in monoterapia per via endovenosa a dosi crescenti di 1 mg/kg, 3mg/kg e 10 mg/kg, e una dose ponte di 200 mg per dose una volta ogni 2 settimane ( studio in monoterapia ).

Pazienti naive al trattamento sono stati arruolati da un unico Centro in Cina per ricevere sei cicli di Camrelizumab 200 mg ( giorno 1 ), Gemcitabina 1 g/m2 ( giorni 1 e 8 ) e Cisplatino 80 mg/m2 ( giorno 1 ) ogni 3 settimane seguito da Camrelizumab 200 mg di mantenimento una volta ogni 3 settimane ( studio combinato ).

L'endpoint primario di entrambi gli studi era la sicurezza e la tollerabilità del trattamento.
Le analisi sono state fatte per protocollo.

Nello studio con Camerizumab in monoterapia, tra il 2016 e il 2017, sono stati arruolati 93 pazienti nelle coorti di incremento della dose e di espansione, e hanno ricevuto almeno una dose di Camelizumab ( popolazione di sicurezza ).

15 pazienti su 93 ( 16% ) hanno manifestato eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4, i più comuni dei quali erano elevata concentrazione di bilirubina coniugata ( 3 su 93 pazienti, 3% ), stomatite, anemia e aumento delle concentrazioni di aspartato aminotransferasi ( AST ), alanina aminotransferasi ( ALT ) e bilirubina totale, ciascuno dei quali si è verificato in 2 pazienti ( 2% ).

8 pazienti ( 9% ) hanno presentato un evento avverso grave correlato al trattamento.

Non sono stati osservati effetti tossici limitanti la dose durante la fase di aumento della dose .

31 pazienti su 91 ( 34% ) valutabili in monoterapia con Camrelizumab hanno avuto una risposta globale con un follow-up mediano di 9.9 mesi.

Nello studio combinato di Camrelizumab, tra aprile e agosto 2017, sono stati arruolati 23 pazienti e sono stati trattati ( popolazione di sicurezza ).

In 20 pazienti su 23 ( 87% ) sono stati osservati eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4: neutropenia ( 13 su 23 pazienti, 57% ), anemia ( 11 pazienti, 48% ), leucopenia ( 11 pazienti, 48% ), trombocitopenia ( 7 pazienti, 30% ), edema ( 2 pazienti, 9% ), iponatriemia ( 2 pazienti, 9% ), ipocloremia ( 1 paziente, 4% ) e rash ( 1 paziente, 4% ).
2 pazienti hanno avuto eventi avversi gravi correlati al trattamento.

Nessun decesso correlato al trattamento si è verificato in questi studi.

20 pazienti su 22 valutabili ( 91% ) hanno presentato una risposta globale con un tempo medio di follow-up di 10.2 mesi.

Camrelizumab è una potenziale opzione di trattamento ben tollerata per i pazienti con carcinoma nasofaringeo ricorrente o metastatico.
La combinazione di Camrelizumab più Gemcitabina e Cisplatino ha un profilo di tossicità gestibile e promettente attività antitumorale preliminare per questa malattia nei pazienti naive al trattamento.
Sono necessari studi randomizzati controllati per stabilire ulteriormente il ruolo dell'inibizione del checkpoint immunitario per i carcinomi nasofaringei. ( Xagena2018 )

Fang W et al, Lancet Oncol 2018; 19: 1338-1350

Onco2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro