Lung Unit
BMS
Novartis
OncoDermatologia

Capmatinib: attività antitumorale nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule avanzato con mutazione associata allo skipping dell'esone 14 di MET


Tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ), le mutazioni associate allo skipping ( salto ) dell'esone 14 di MET ( METex14 ) si verificano nel 3-4% e le amplificazioni MET si verificano nell'1-6%.
Capmatinib ( Tabrecta ), un inibitore selettivo del recettore MET, ha mostrato attività in modelli di cancro con vari tipi di attivazione MET.

E' stato condotto uno studio di fase 2 a più coorti per valutare Capmatinib nei pazienti con tumore NSCLC avanzato con alterazioni del gene MET.
I pazienti sono stati assegnati alle coorti sulla base delle precedenti linee di terapia e dello stato MET ( mutazione associate a skipping dell'esone 14 di MET o amplificazione di MET in base al numero di copie del gene nel tessuto tumorale ). I pazienti hanno ricevuto Capmatinib ( compressa da 400 mg ) due volte al giorno.

L'endpoint primario era la risposta globale [ ORR ] ( risposta completa o parziale ), mentre l'endpoint secondario chiave era la durata della risposta ( DoR ).
Entrambi gli endpoint sono stati valutati da un Comitato di revisione indipendente i cui membri non erano a conoscenza delle assegnazioni di coorte.

Un totale di 364 pazienti sono stati assegnati alle coorti.

Tra i pazienti con tumore NSCLC con una mutazione dell'esone 14 di MET, la risposta globale è stata osservata nel 41% ( intervallo di confidenza al 95% [ IC ], da 29 a 53 ) di 69 pazienti che avevano ricevuto in precedenza una o due linee di terapia e nel 68% ( IC 95%, da 48 a 84 ) di 28 pazienti che non avevano ricevuto in precedenza un trattamento; la durata mediana della risposta è stata rispettivamente di 9.7 mesi ( IC 95%, da 5.6 a 13.0 ) e 12.6 mesi ( IC 95%, da 5.6 a non-stimata ), rispettivamente.

È stata osservata un'efficacia limitata nei pazienti trattati in precedenza con amplificazione di MET che avevano un numero di copie geniche inferiore a 10 ( risposta complessiva nel 7-12% dei pazienti ).
Tra i pazienti con amplificazione di MET e un numero di copie del gene pari o superiore a 10, la risposta globale è stata osservata nel 29% ( IC 95%, da 19 a 41 ) dei pazienti trattati in precedenza e nel 40% ( IC 95%, da 16 a 68 ) di quelli che non avevano ricevuto cure in precedenza.

Gli eventi avversi più frequentemente riportati sono stati edema periferico ( 51% ) e nausea ( 45% ); questi eventi erano per lo più di grado 1 o 2.

In conclusione, Capmatinib ha mostrato una sostanziale attività antitumorale nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule avanzato con mutazione dell'esone 14 di MET, in particolare in quelli non-trattati in precedenza.
L'efficacia nel tumore NSCLC avanzato con amplificazione di MET è risultata maggiore nei tumori con un numero elevato di copie del gene rispetto a quelli con un numero basso.
I principali effetti tossici sono stati l'edema periferico di basso grado e la nausea. ( Xagena2020 )

Wolf J et al, N Engl J Med 2020; 383: 944-957

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro