BMS
Novartis
Lung Unit
Roche Oncologia

Carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo in fase avanzata: Lorlatinib versus Crizotinib, come prima linea


I dati di una analisi ad interim di uno studio di fase 3, CROWN, hanno mostrato che la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è risultata significativamente prolungata nei pazienti adulti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato / metastatico positivo per ALK, trattati in prima linea con Lorlatinib ( Lorviqua ) rispetto a Crizotinib ( Xalkori ).

In questo studio, 149 e 147 pazienti naive-al-trattamento con tumore NSCLC positivo per ALK in stadio IIIB/IV sono stati assegnati, rispettivamente, ai bracci Lorlatinib e Crizotinib.
I pazienti sono stati stratificati in base all'etnia ( asiatica versus non-asiatica ) e alla presenza o meno di metastasi del sistema nervoso centrale ( SNC ).
Cinque pazienti nel braccio Crizotinib non hanno ricevuto il trattamento.

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) secondo la revisione centrale indipendente in cieco ( BICR ).
Gli endpoint secondari erano: sopravvivenza senza progressione valutata dallo sperimentatore, sopravvivenza globale ( OS ), tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo BICR e sperimentatore, sicurezza e qualità di vita, tasso di risposta oggettiva intracranica ( IC-ORR ) secondo BICR, durata della risposta ( DoR ) secondo BICR, durata della risposta intracranica ( IC-DoR ) secondo BIRC, e tempo intracranico alla progressione secondo BICR.

A un follow-up mediano di 18.3 mesi per i pazienti che ricevevano Lorlatinib e di 14.8 mesi per quelli che ricevevano Crizotinib, la sopravvivenza mediana libera da progressione secondo BICR per Lorlatinib non era stimabile, mentre era 9.3 mesi per i pazienti trattati con Crizotinib ( hazard ratio [ HR ], 0.28; IC 95%, 0.19-0.41; P inferiore a 0.001 ).
Questo rappresenta una riduzione del 72% del rischio di morte o progressione. Inoltre, il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi è stato del 78% e del 39% per coloro che ricevevano, rispettivamente, Lorlatinib e Crizotinib.

Questo beneficio in termini di sopravvivenza senza progressione di Lorlatinib rispetto a Crizotinib è stato osservato in sottogruppi di pazienti definiti da età, sesso, etnia, performance status ECOG, abitudine al fumo e presenza o assenza di metastasi del sistema nervoso centrale.

Le percentuali di tasso di risposta obiettiva secondo BICR erano del 76% e del 58% nei pazienti trattati, rispettivamente, con Lorlatinib e Crizotinib e, ad eccezione di una percentuale di risposta completa ( CR ) del 3% nei pazienti trattati con Lorlatinib, quasi tutte le risposte erano parziali.

La durata mediana della risposta non era stimabile nei pazienti trattati con Lorlatinib, mentre era di 11 mesi in quelli trattati con Crizotinib.

I tassi di risposta oggettiva intracranica secondo BICR erano dell'82% versus 23% per i 30 pazienti con metastasi cerebrali misurabili al basale trattati, rispettivamente, con Lorlatinib vs Crizotinib.
I tassi di risposta completa in questo sottogruppo di pazienti sono stati del 71% per quelli che ricevevano Loratinib rispetto all'8% per i pazienti trattati con Crizotinib.

Loratinib ha, inoltre, migliorato il tempo alla progressione delle metastasi intracraniche rispetto a Crizotinib con un hazard ratio di 0.07 ( IC 95%, 0.03-0.17; P inferiore a 0.001 ).
C'è stato un miglioramento significativamente maggiore rispetto al basale nella qualità di vita globale tra i pazienti trattati con Lorlatinib rispetto a quelli trattati con Crizotinib.

In conclusione, questi dati hanno indicato la capacità di Lorlatinib non solo di ritardare la progressione delle metastasi cerebrali esistenti, ma anche di prevenire lo sviluppo di nuove metastasi cerebrali in pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo. ( Xagena2020 )

Fonte: European Society of Medical Oncology ( ESMO ) Virtual Congress, 2020

Pneumo2020 Neuro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro