Janssen Oncology
OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito

Carcinoma colorettale metastatico trattato: Regorafenib migliora la sopravvivenza globale rispetto al placebo nei pazienti asiatici


Nello studio randomizzato internazionale di fase 3 CORRECT, Regorafenib ( Stivarga ) ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale rispetto al placebo nei pazienti con carcinoma colorettale metastatico refrattario al trattamento.
Dei 760 pazienti nello studio CORRECT, 111 erano asiatici ( soprattutto giapponesi ).

Il nuovo studio di fase 3, CONCUR, è stato effettuato per valutare Regorafenib in una popolazione più ampia di pazienti asiatici con carcinoma del colon e del retto metastatico refrattario rispetto a quella studiata in CORRECT.

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli, di fase 3, CONCUR, che ha coinvolto 25 ospedali in Cina continentale, Hong Kong, Corea del Sud, Taiwan e Vietnam, sono stati reclutati pazienti asiatici di età uguale o superiore a 18 anni con cancro del colon-retto progressivo metastatico che avevano ricevuto almeno due linee di trattamento precedenti o non erano in grado di tollerare trattamenti standard.
I pazienti dovevano avere un performance status ECOG ( Eastern Cooperative Oncology Group ) di 0 o 1, aspettativa di vita di almeno 3 mesi e adeguata funzione midollare, epatica e renale, senza altri disturbi medici non-controllati.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale ( stratificando per sito metastatico, organi singoli vs organi multipli, e momento dalla diagnosi di malattia metastatica, periodo inferiore a 18 mesi vs 18 mesi o superiore ) a ricevere per via orale Regorafenib 160 mg una volta al giorno oppure placebo nei giorni 1-21 di ciascun ciclo di 28 giorni; pazienti in entrambi i gruppi hanno anche ricevuto la migliore terapia di supporto.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale.

Tra il 2012 e il 2013, sono stati esaminati 243 pazienti e sono stati assegnati in modo casuale 204 pazienti a ricevere Regorafenib ( 136, 67% ) oppure placebo ( 68, 33% ).

Dopo un follow-up mediano di 7.4 mesi, la sopravvivenza globale è risultata significativamente migliore con Regorafenib di quanto non fosse con il placebo ( hazard ratio, HR=0.55, P=0.00016; sopravvivenza globale mediana 8.8 mesi nel gruppo Regorafenib vs 6.3 mesi nel gruppo placebo ).

Eventi avversi farmaco-correlati si sono verificati in 132 ( 97% ) dei 136 che hanno ricevuto Regorafenib e 31 ( 46% ) dei 68 trattati con placebo.
Gli eventi avversi di grado 3 o superiore correlati a Regorafenib più frequenti sono stati reazione cutanea mano-piede ( 22, 16%, di 136 pazienti nel gruppo Regorafenib vs nessuno nel gruppo placebo ), ipertensione ( 15, 11%, vs 2, 3% di 68 pazienti nel gruppo placebo ), iperbilirubinemia ( 9, 7%, vs 1, 1% ), ipofosfatemia ( 9, 7%, vs nessuno ), aumento della concentrazione di alanina aminotransferasi ( 9, 7%, vs nessuno ), aumento di concentrazione di aspartato aminotransferasi ( 8, 6%, vs nessuno ), aumento di concentrazione di lipasi ( 6, 4%, vs 1, 1% ) e rash maculopapulare ( 6, 4%, vs nessuno ).

Gravi eventi avversi associati al farmaco si sono verificati in 12 pazienti ( 9% ) del gruppo Regorafenib e 3 ( 4% ) del gruppo placebo.

Questo studio di fase 3 è il secondo studio a mostrare un beneficio di sopravvivenza globale con Regorafenib rispetto al placebo nei pazienti con carcinoma colorettale metastatico refrattario al trattamento, fornendo evidenze riguardo al ruolo di Regorafenib come importante opzione di trattamento per i pazienti la cui malattia è progredita dopo trattamenti standard.
In questo studio, i precedenti trattamenti standard non hanno incluso necessariamente trattamenti mirati.
Gli eventi avversi sono stati generalmente in linea con il profilo di sicurezza noto di Regorafenib in questo ambito. ( Xagena2015 )

Li J et al, Lancet 2016;16:619-629

Onco2015 Gastro2015 Farma2015


Indietro