Oncologia Morabito
Novartis
OncoHub
Janssen Oncology

Carcinoma metastatico della prostata, resistente alla castrazione: l’aggiunta di Dasatinib a Docetaxel non migliora la sopravvivenza


L’aggiunta di Dasatinib ( Sprycel ) alla terapia standard con Docetaxel ( Taxotere ) non ha migliorato la sopravvivenza globale e la maggior parte degli altri endpoint clinici, rispetto al solo Docetaxel nei pazienti con carcinoma metastatico alla prostata, resistente alla castrazione chimica, nello studio di fase III READY.

Sebbene gli studi preliminari avessero fornito un razionale per l'impiego di Dasatinib nel tumore alla prostata metastatico, castrazione-resistente, e i primi studi avessero indicato che la combinazione di Dasatinib e Docetaxel presentasse una sicurezza e un’attività accettabili, i risultati di fase III hanno smorzato gli entusiasmi.

Dasatinib inibisce diverse tirosin-chinasi, comprese le chinasi SRC, ritenute promuovere l'indipendenza dagli androgeni del carcinoma prostatico metastatico, resistente alla castrazione, che rende le cellule tumorali non-responder alla terapia.

Hanno preso parte allo studio READY, randomizzato e controllato, 1.522 pazienti, trattati in un rapporto 1:1, con Docetaxel 75 mg/m2 ogni 3 settimane e Prednisone 5 mg due volte al giorno con Dasatinib 100 mg ogni giorno ( n=762 ), oppure con Docetaxel più placebo ( n=760 ).

L’endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza generale.

Nessun beneficio di sopravvivenza è stato riscontrato con l’aggiunta di Dasatinib a Docetaxel, rispetto a Docetaxel e placebo: sopravvivenza generale, rispettivamente, 21.5 versus 21.2 mesi ( hazard ratio, HR=0.99; P=0.90 ) in nessuno dei sottogruppi presi in esame.

Inoltre, nessun cambiamento significativo è stato osservato tra i due bracci negli endpoint secondari, tra cui il tasso di risposta obiettiva, la riduzione dei livelli urinari di N-telopeptide ( un marcatore del turnover osseo ), la sopravvivenza libera da progressione o la riduzione del dolore.

Un aspetto positivo del trattamento con Dasatinib era rappresentato dall’incremento del tempo mediano alla comparsa del primo evento scheletrico, ( endpoint non raggiunto per Dasatinib versus 31.1 mesi nel gruppo placebo; HR=0.81 ).

Gli eventi avversi associati al trattamento sono stati più frequenti nel gruppo Dasatinib che nel gruppo solo Docetaxel: 18% contro 9%.
Gravi eventi avversi sono stati riportati nel 30% dei pazienti in entrambi i bracci.

L'esposizione al trattamento e l’impiego alla terapia di salvataggio con Abiraterone o Cabazitaxel sono stati simili in entrambi i bracci. ( Xagena2013 )

Fonte: Genitourinary Cancers Symposium, 2013

Onco2013 Uro2013 Farma2013


Indietro