Roche Oncologia
Lung Unit
BMS
Novartis

Carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con mutazioni dell'esone 14 di MET: efficacia di Tepotinib


Una mutazione nel sito di giunzione che si traduce in una perdita di trascrizione dell'esone 14 nel driver oncogenico MET ( METex14 ) si verifica nel 3-4% dei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ).

E' stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Tepotinib ( Tepmetko ), un inibitore di MET altamente selettivo, in questa popolazione di pazienti.

In questo studio di fase 2, in aperto, Tepotinib è stato somministrato ( alla dose di 500 mg ) una volta al giorno nei pazienti con tumore NSCLC avanzato o metastatico con una mutazione associata allo skipping dell'esone 14 di MET.

L'endpoint primario era la risposta obiettiva ( ORR ) da parte di una revisione indipendente tra i pazienti che erano stati sottoposti ad almeno 9 mesi di follow-up.
La risposta è stata anche analizzata riguardo al rilevamento della mutazione dell'esone 14 di MET mediante biopsia liquida o biopsia tissutale.

Al 1° gennaio 2020, un totale di 152 pazienti avevano ricevuto Tepotinib e 99 pazienti erano stati seguiti per almeno 9 mesi.

Il tasso di risposta secondo una revisione indipendente è stato del 46% ( intervallo di confidenza al 95% [ IC ], da 36 a 57 ), con una durata mediana della risposta di 11.1 mesi ( IC al 95%, da 7.2 a non-stimato ) nel gruppo biopsia combinata.

Il tasso di risposta è stato del 48% ( IC 95%, da 36 a 61 ) tra 66 pazienti nel gruppo biopsia liquida e del 50% ( IC 95%, da 37 a 63 ) tra 60 pazienti nel gruppo biopsia tissutale; 27 pazienti hanno avuto risultati positivi per entrambi i metodi.

Il tasso di risposta valutato dallo sperimentatore è stato del 56% ( IC 95%, da 45 a 66 ) ed era simile indipendentemente dalla precedente terapia ricevuta per la malattia avanzata o metastatica.

Eventi avversi di grado 3 o superiore considerati dagli sperimentatori correlati alla terapia con Tepotinib sono stati riportati nel 28% dei pazienti, incluso edema periferico nel 7%.

Gli eventi avversi hanno portato alla sospensione permanente di Tepotinib nell'11% dei pazienti.

Una risposta molecolare, misurazione del DNA libero circolante, è stata osservata nel 67% dei pazienti con campioni di biopsia liquida abbinati al basale e durante il trattamento.

In conclusione, tra i pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule avanzato con una mutazione confermata di skipping ( salto ) dell'esone 14, l'uso di Tepotinib è risultato associato a una risposta parziale in circa la metà dei pazienti.
L'edema periferico era il principale effetto tossico di grado 3 o superiore. ( Xagena2020 )

Paik PK et al, N Engl J Med 2020; 383: 931-943

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro