BMS
Roche Oncologia
Novartis
Lung Unit

Carcinoma polmonare non-a-piccole cellule positivo alla fusione RET: efficacia di Selpercatinib


Le fusioni di RET sono fattori oncogenici nell'1-2% dei tumori polmonari non-a-piccole cellule ( NSCLC ).
Nei pazienti con tumore NSCLC positivo alla fusione RET, l'efficacia e la sicurezza dell'inibizione selettiva di RET non sono ben definite.

Sono stati arruolati pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule positivo alla fusione RET in fase avanzata che avevano precedentemente ricevuto chemioterapia a base di Platino e quelli che non erano stati precedentemente trattati separatamente in uno studio di fase 1-2 con Selpercatinib ( Retevmo ).

L'endpoint primario era una risposta oggettiva ( risposta completa o parziale ) come determinato da un Comitato di revisione indipendente.
Gli endpoint secondari includevano la durata della risposta, la sopravvivenza libera da progressione e la sicurezza.

Nei primi 105 pazienti arruolati consecutivamente con tumore NSCLC positivo alla fusione RET che avevano precedentemente ricevuto almeno chemioterapia a base di Platino, la percentuale con una risposta obiettiva è stata del 64% ( intervallo di confidenza [ IC ] al 95%, da 54 a 73 ).

La durata mediana della risposta è stata di 17.5 mesi ( IC 95%, da 12.0 a non-valutabile ) e il 63% delle risposte era in corso a un follow-up mediano di 12.1 mesi.

Tra i 39 pazienti non-trattati in precedenza, la percentuale con una risposta obiettiva è stata dell'85% ( IC 95%, da 70 a 94 ) e il 90% delle risposte era in corso a 6 mesi.

Tra gli 11 pazienti con metastasi misurabili del sistema nervoso centrale all'arruolamento, la percentuale con una risposta intracranica oggettiva è stata del 91% ( IC 95%, da 59 a 100 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore sono stati ipertensione ( 14% dei pazienti ), aumento del livello di alanina aminotransferasi [ ALT ] ( 12% ), aumento del livello di aspartato aminotransferasi [ AST ] ( 10% ), iponatriemia ( 6% ) e linfopenia ( 6% ).

Un totale di 12 pazienti su 531 ( 2% ) ha interrotto il trattamento con Selpercatinib a causa di un evento avverso correlato al farmaco.

In conclusione, Selpercatinib ha mostrato una efficacia duratura, inclusa l'attività intracranica, con effetti tossici principalmente di basso grado nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule positivo alla fusione RET che avevano precedentemente ricevuto chemioterapia a base di Platino e in quelli che non erano stati precedentemente trattati. ( Xagena2020 )

Drilon A et al, N Engl J Med 2020; 383: 813-824

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro