Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
Tumore rene

Cisplatino ed Etoposide in combinazione con Veliparib oppure placebo per tumore polmonare a piccole cellule in stadio esteso: studio ECOG-ACRIN 2511


Veliparib, un inibitore di PARP ( poli-ADP-ribosio polimerasi ), ha potenziato la chemioterapia standard contro il tumore polmonare a piccole cellule ( SCLC ) in studi preclinici.
È stata valutata la combinazione di Veliparib con Cisplatino ed Etoposide ( CE; CE + V ) doppietto nei tumori SCLC in stadio esteso ( ES-SCLC ) non-trattato.

I pazienti con tumore SCLC in stadio esteso, stratificati per sesso e livelli nel siero di lattato deidrogenasi, sono stati randomizzati a ricevere 4 cicli di 3 settimane di Cisplatino ed Etoposide ( 75 mg/m2 per via endovenosa al giorno 1 e 100 mg/m2 nei giorni da 1 a 3 ) insieme a Veliparib ( 100 mg per via orale due volte al giorno nei giorni da 1 al 7 ) oppure placebo ( CE + P ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Lo studio ha avuto l'88% di potenza per dimostrare una riduzione del 37.5% del tasso di rischio di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Un totale di 128 pazienti eleggibili hanno ricevuto un trattamento sul protocollo. L'età media era di 66 anni, il 52% dei pazienti era di sesso maschile e l’ECOG performance status era 0 per il 29% dei pazienti e 1 per il 71%.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana per il braccio CE + Veliparib rispetto al braccio CE + Placebo è stata, rispettivamente, pari a 6.1 versus 5.5 mesi ( hazard ratio non-stratificato, HR=0.75, P=0.06 unilaterale; HR stratificato, 0.63, P unilaterale=0.01 ), favorendo CE + Veliparib.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 10.3 versus 8.9 mesi ( HR stratificato, 0.83, P=0.17 unilaterale per i bracci CE + Veliparib e CE + Placebo, rispettivamente.

Il tasso di risposta complessivo è stato del 71.9% rispetto al 65.6% ( P a due lati=0.57 ) per CE + Veliparib e CE + Placebo, rispettivamente.

C'è stata una significativa interazione di trattamento per strato nella sopravvivenza libera da progressione: pazienti maschi con alti livelli di lattato deidrogenasi hanno ottenuto benefici significativi ( PFS HR=0.34 ) ma non vi è stata evidenza di beneficio tra i pazienti in altri strati ( PFS HR=0.81 ).

Le seguenti tossicità ematologiche di grado 3 o maggiore sono state più frequenti nel braccio CE + Veliparib rispetto al braccio CE + Placebo: linfopenia CD4 ( 8% vs 0%; P=0.06 ) e neutropenia ( 49% vs 32%; P=0.08 ), ma la somministrazione del trattamento era paragonabile.

L'aggiunta di Veliparib alla chemioterapia di prima linea ha mostrato un segnale di efficacia nei pazienti con tumore del polmone a piccole cellule in stadio esteso, e lo studio ha raggiunto l'endpoint prespecificato. ( Xagena2019 )

Owonikoko et al, J Clin Oncol 2019; 37: 222-229

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro